PS5, Sony svela dettagli ufficiali sulla nuova console: Ray Tracing, 8K, retro-compatibilità PS4 e tanto altro!

Lorenzo Delli -

Arrivano news particolarmente gustose su PS5 direttamente dalla bocca di Mark Cerny, una delle menti dietro PS4 che si sta occupando anche della progettazione di PlayStation 5 e della sua retro-compatibilità. Le nuove info a riguardo della console arrivano in occasione di un’intervista allo stesso Cerny da parte di Wired. E Cerny apre dicendo subito che PlayStation 5, una console su cui sta lavorando oramai da 4 anni, non è un mero upgrade di PS4. La domanda chiave che bisognerebbe porsi secondo Cerny è se una console può aggiungere un altro strato all’attuale esperienza di gioco, come hanno fatto ad esempio Xbox One X o PS4 Pro puntando sul 4K, o se può cambiare drasticamente ciò che può rappresentare un videogioco. E PS5 punta proprio a questo.

La “Console di nuova generazione“, così la definisce Cerny, non arriverà nel 2019. Una conferma ufficiale quindi, e il leak di questi giorni che parlava di una possibile presentazione nel Q2 2019 e un lancio tra marzo e novembre 2020 si fa più concreto. Sony, per la realizzazione di PlayStation 5, avrebbe lavorato a stretto contatto con diverse software house e proprio in questi mesi avrebbe spinto sull’acceleratore in modo da produrre e distribuire quanti più dev-kit (i kit di sviluppo) in modo che gli sviluppatori abbiano modo di adattarsi alla nuova macchina.

LEGGI ANCHE: Sony brevetta un sistema per rivendere i giochi digitali “usati”

Mark Cerny riveste anche stavolta il ruolo di “lead system architect“, così come successe per PS4, ma di questo in parte ne avevamo avuto conferma grazie ai brevetti depositati negli ultimi anni firmati proprio da Cerny. Visto il suo ruolo di rilievo, Cerny avrebbe spinto per integrare il più possibile quanto richiesto dagli sviluppatori, in modo da proporre una macchina rivoluzionaria più che una mera evoluzione. Il responsabile di casa Sony scende ulteriormente in dettagli parlando anche di quello che sarà l’hardware di PlayStation 5. Ovviamente proprio per accontentare gli sviluppatori e per stare al passo con i tempi, ci sarà bisogno di più potenza, di più memoria per immaginare i giochi e le texture a più alta risoluzione e così via. Partiamo dalla CPU. Si tratterà di una CPU basata sulla terza generazione di CPU AMD Ryzen: un processore octa-core quindi, processo costruttivo a 7 nm e architettura Zen 2. La GPU sarà una variante customizzata della famiglia Radeon Navi e supporterà il ray tracing! Al momento nessuna console lo permette, ma è ovvio che dopo lo “sdoganamento” di NVIDIA con le sue RTX, tutti (o quasi) piano piano punteranno ad implementarlo.

E i vantaggi del ray tracing, ovviamente da un punto di vista visivo, saranno immediati. Le superfici riflettenti, la rifrazione attraverso liquidi o vetri e altri effetti simili saranno riprodotti in modo ancora più accurato, anche in tempo reale, incrementando la sensazione di realismo. Secondo Cerny le applicazioni del ray tracing vanno oltre la grafica. Pensate al sonoro di un gioco: simulando i rimbalzi di un raggio, si potrebbe anche capire se un personaggio in un determinato punto possa o non possa udire un rumore proveniente da un altro punto (assimilando il rimbalzo di un suono a quello di un raggio). Si tratta ovviamente di una semplificazione, ma procediamo oltre.

Uno dei mock-up di PlayStation 5, purtroppo rivelatosi fake, ma comunque piuttosto originale.

Il chip di AMD include anche una unità custom dedicata all’audio 3D che, a detta di Cerny, “ridefinirà” il concetto di audio nei videogiochi. “Da giocatore” afferma Cerny, “è stato un po’ frustrante constatare come l’audio tra PS3 e PS4 non avesse subito questi grandi cambiamenti. Con la prossima generazione vorrei che l’esperienza audio cambiasse drasticamente“. Il risultato finale dovrebbe farci sentire ancora più immersi nel suono, come se venisse da tutte le direzioni. E per fare ciò sfrutterà gli speaker del televisore, soundbar o più semplicemente un paio di cuffie. Secondo quanto riportato da Wired, Cerny ha descritto l’audio di PS5 con una parola familiare a chi è abituato alla realtà virtuale: “Presenza“. PlayStation 5, a livello di audio, ci farà sentire presenti, proiettati dentro il gioco stesso, circondati dai suoni. Non abbiamo citato la realtà virtuale a caso: Wired ha cercato di chiedere a Cerny notizie a riguardo di PSVR 2, ma il responsabile Sony non si è sbottonato. PSVR di prima generazione però sarà compatibile con PlayStation 5, e questa è un’ottima notizia.

LEGGI ANCHE: PS5: la retrocompatibilità con le vecchie PlayStation confermata da un altro brevetto!

Ma all’inizio dell’intervista Cerny aveva promesso grandi cose e quanto detto finora a quanto pare lo è solo in parte. C’è un altro “true game changer“, e a quanto pare è la memoria di archiviazione. Si è parlato di schermate di caricamento, di quando si usa il “fast travel” nei giochi e si è obbligati ad attendere diversi secondi, o peggio di quando ci sono schermate di caricamento persino quando si apre una porta. Entrano ovviamente in gioco gli SSD. Una richiesta, quella di dotare la nuova console di unità di memoria a stato solido, che già nel 2015 quando iniziarono i lavori su PlayStation 5 venne fatta dagli stessi sviluppatori che avrebbero poi lavorato sulla console. Cerny, negli uffici di Wired, ha fatto assistere ai giornalisti ad una vera e propria dimostrazione. Il responsabile di casa Sony ha lanciato Marvel’s Spider-Man su una PS4 Pro, facendo partire un “fast travel” verso uno dei tanti punti della mappa. Il tempo di attesa per il caricamento della nuova zona ammontava a 15 secondi circa. Cerny poi ha compiuto la stessa identica operazione con lo stesso gioco su un dev-kit connesso ad un altro televisore. Il tempo di attesa? 0,8 secondi, e il bello è che si tratta di uno dei primi dev-kit non veloce quanto quelli attuali.

E i tempi di caricamento ridotti sono solo una delle tante conseguenze positive derivanti dall’utilizzo di SSD. Cerny ha mostrato anche la velocità di movimento delle telecamere a confronto su PS4 e PS5 (dev-kit), e da quanto riportato dai colleghi di Wired su PlayStation 5 la telecamera sembra un vero e proprio razzo. Ma la velocità è niente senza controllo (semi-cit.), e Cerny durante questa dimostrazione ha anche messo in pausa il gioco per mostrare come il gioco mantenesse intatto il dettaglio grafico, senza creare artefatti derivanti dalla velocità di scorrimento. Insomma, si tratterà di un modello di SSD costruito ad-hoc proprio per permettere performance migliori anche nelle azioni più concitate. E qui nell’articolo originale viene aperta una parentesi in cui si parla esplicitamente di 8K. A quanto pare PS5 supporterà la risoluzione dei televisori di ultimissima generazione, anche se i test effettuati in redazione si sono svolti su pannelli 4K. È molto probabile che si parli di upscaling, visto che neanche le schede video più potenti e costose riuscirebbero a sopportare una tale risoluzione a frame rate decenti. Tornando all’archiviazione, al momento Cerny non ha rivelato ulteriori dettagli a riguardo degli SSD presenti a bordo delle nuove console, ma a quanto pare avrebbero una larghezza di banda di gran lunga superiore a quella degli SSD attualmente disponibili per PC.

Durante l’intervista sono emersi altri gustosi dettagli. PS5 non sarà una macchina rivolta solo al digitale: ci saranno ancora i supporti fisici e sì, ci sarà retrocompatibilità almeno con i titoli dedicati a PS4. E come successe con PS3, inizialmente i nuovi titoli verranno rilasciati sia per PlayStation 5 che per PlayStation 4. Ah, e sì, come accennato quello che Mark Cerny ha portato negli uffici di Wired è un primo dev-kit di PlayStation 5, ma il tutto era protetto da un box argentato che nascondeva ogni dettaglio. Del prezzo non si parla nell’articolo di Wired, ma a quanto pare il giornalista che si è occupato della stesura dell’articolo ha chiesto qualcosa a Cerny a riguardo. Ne abbiamo parlato in questo articolo. Ricapitolando:

  • Niente lancio nel 2019
  • CPU AMD Ryzen 3°gen octa-core, 7 nm, architettura Zen 2
  • GPU AMD Navi con Ray Tracing
  • Unità custom per audio 3D
  • SSD
  • Compatibilità con PlayStation VR first-gen
  • Supporto all’8K
  • Giochi fisici e digitali
  • Retrocompatibilità PS4
  • Giochi mid-gen sia su PS4 che su PS5

Tanti dettagli insomma per una intervista che è quasi più un primo reveal sul futuro della console di casa Sony. Che ne pensate di quanto svelato finora da Mark Cerny? PlayStation 5 promette bene o benissimo?

PS5 Ufficiale – Video Riassunto

  • eXcalibur🗡️

    8K? 😮

    • Lorenzo Pasolini

      si , una finta risoluzione per i boccaloni , l utente medio di console non sa nulla di comparto tecnico quindi si basa sulle sigle che sente sulle pubblicità , 4k , 8k ecc . conta che la rtx2080ti che è la scheda video più potente sul mercato arriva al 4k 60 fps facendo fatica e costa tipo 1300 euro . una console da 400-500 euro ha un ottimizzazione che può dare grandi risultati ma i miracoli non esistono!

      • Christian Bianchini

        Hai assolutamente ragione, senza poi considerare che c’è un rapporto tra distanza dalla TV dimensione schermo e risoluzione e che Per godere dell’8k servono veramente schemi enormi e a poca distanza .

      • eXcalibur🗡️

        Infatti sapevo quello che tu hai affermato, infatti non capivo questi 8K! Già il Ray-Tracing con HDR è una batosta per la GPU, figuriamoci l’8K! Comunque penso che nessuna console ne Sony e ne Microsoft potrà superare i server di Google con l’appena annunciata Google Stadia che elaborerà i giochi da remoto e attraverso lo streaming si potrà giocare….altroché hardware da 1300euro o 2000…..

        • ale

          ci vuole buona banda, e in italia non c’è.. a milano ok.. ma nei paesini si viagga a 4 mega… io con la ps4 non riesco praticamente a giocare online… è ancora troppo presto per l’elaborazione da remoto.. lo era prima della ps4 e non è cambiato assolutamente nulla nel tempo

          • eXcalibur🗡️

            Non so dove vivi tu, ma io abito in un paesino di poche migliaia di persone in provincia di Cosenza e ho una FTTC da 110mbps in media, e anche altri paesi limitrofi sono allo stesso stato. Quindi non ci dovrebbero essere problemi a giocare in streaming con Google Stadia che necessita di 30mbps per giocare in 4K

          • Psyco98

            Io Siena periferia vado a 7 teorici e 5 effettivi (con cali a 3 abbastanza frequenti). Siena, non un paesaccio sperduto, semplicemente a 5 minuti dal centro abitato.
            Idem in metà provincia: appena esci dalle mura hai 10Mb se sei fortunato.

          • eXcalibur🗡️

            Nonostante abiti al nord, siete messi male considerando le connessioni internet.

          • Psyco98

            La Toscana è incredibilmente più arretrata di quanto la gente creda, anche nei trasporti: Siena-Firenze in treno prende un’ora tranquilla e spesso occorre passare da Empoli.

          • eXcalibur🗡️

            Hahaha qui dove abito io i treni sono un mero miraggio! L’ultima ferrovia in funzione nella mia zona la “calabro-lucana” risale a 30anni fa…proprio gli anni di arretratezza che hanno le infrastrutture qui! Spero che il M5S faccia quello che PD e FI non hanno mai fatto al sud!

          • Psyco98

            Qualcosa mi dice che occorrerà aspettare ancora qualche decennio

          • eXcalibur🗡️

            Per fortuna no! Ho letto che il M5S ha fatto un Decreto chiamato “sblocca cantieri” che attiverà centinaia di cantieri in tutta Italia e proprio qui nella mia zona stanno iniziando i lavori per la ferrovia “Sibari-Roma”. Non ci credo ne anch’io! Eppure è scritto così sul sito della Regione Calabria.

          • Psyco98

            Ottimo, felice di vedere che si sta muovendo qualcosa!
            (anche se adesso non si sa cosa faranno i vecchietti)

  • Marco

    La retrocompatibilità sarebbe gradita anche per i titoli di PS1, PS2 e PS3.
    (Mi piace il retro-gaming e desidererei giocare con i dischi che ho già su di una unica console senza dover spendere soldi per acquistare delle retro-console apposite o degli abbonamenti vari).

  • Bel Tanca

    Finalmente la verità e venuta a galla, dopo quella cavolata detta da quel tizio anonimo che diceva di essere uno sviluppatore, alla fin fine la gente bigotta si e resa conto che abboccava a delle cavolate da webeti, adesso che sapete che uscirà a novembre 2020 godetevi le attuali console grazie!!In un certo senso ero sdegnato da quante notizie fake divulgavano i soliti bloghettini all’italiana che pur di fare visual raccontavano balle su balle!!

    • Il tizio anonimo diceva che non sarebbe uscita nel 2019, ma in un periodo compreso tra marzo e novembre 2020.