PS5 vs. Xbox Series X: quello che sappiamo sulle due console next-gen a confronto

Lorenzo Delli -

PS5 vs. Xbox Series X: nel 2020 la sfida tra le due console Sony, PS5, e Microsoft, Xbox Series X, di nuova generazione non si giocherà solo sulle caratteristiche hardware. Come al solito la cosa che conterà di più saranno i giochi disponibili al lancio, anche se stavolta entreranno in gioco (scusate il gioco di parole) dei fattori altrettanto importanti.

Sony, ad esempio, deve muovere dei passi concreti verso la retrocompatibilità, un campo su cui Microsoft è particolarmente specializzata. Inoltre il Game Pass di Microsoft è una carta che, se giocata bene, potrebbe spostare gli equilibri. Proprio Microsoft però non sembra intenzionata a muovere i primi passi verso la realtà virtuale, un campo dove Sony a modo suo sta eccellendo e che dovrebbe avere ancora intenzione di esplorare. Sono comunque questioni che andranno affrontate più avanti, quando verranno rivelati ulteriori dettagli sulle due console. Oggi vogliamo invece concentrarci sui dettagli noti, soffermandoci quindi su tutte quelle caratteristiche elencate rispettivamente da Phil Spencer per Xbox Series X e da Jim Ryan e Mark Cerny per PS5, con un occhio di riguardo comunque a quei rumor o leak con almeno una base di fondamento.

LEGGI ANCHE: Recensione Google Stadia: il futuro (remoto) del gaming

Iniziamo con una rapida tabella riepilogativa che non fa altro che confermarci quanto le due console, proprio da un punto di vista hardware, siano molto simili tra loro.

Xbox Series X PS5
CPU AMD Ryzen 3th gen, architettura Zen 2  AMD Ryzen 3th gen, octa-core, architettura Zen 2, unità custom per Audio 3D
Processo costruttivo 7 nm 7 nm
GPU Radeon RDNA con Ray Tracing e Variable Rate Shading Radeon famiglia Navi con Ray Tracing
Potenza grafica 12 TFLOPS 13 TFLOPS (rumor), più probabili 12 TFLOPS
RAM GDDR6, secondo un report 16 GB di cui 13 GB riservati ai giochi  Secondo un report 12 GB GDDR6 + 4 GB GDDR4
Memoria SSD SSD
Lettore ottico  4K UHD Blu-ray  4K UHD Blu-ray
Dimensioni 16 x 16 x 31/35 cm (stime) Non è mai stata mostrata veramente

Per quanto riguarda il processore, o meglio l’accoppiata CPU e GPU prodotta in collaborazione con AMD, dovremmo trovarci di fronte a qualcosa di quasi identico. Mark Cerny, nell’intervista in cui si è parlato per la prima volta ufficialmente di PlayStation 5, ha citato una unità custom dedicata all’audio tridimensionale integrata direttamente nella CPU AMD.

Microsoft non ha fatto cenno diretto alla cosa, non sappiamo quindi se ci sarà qualche accortezza lato sonoro anche su Xbox Series X. Microsoft ha però fatto cenno ad altre tecnologie non citate invece da Sony, come ad esempio il Variable Rate Shading (VRS), una tecnologia brevettata dalla stessa Microsoft che permette di ridurre o aumentare il tasso di shading in determinate zone dell’immagine in modo da migliorare performance o, alternativamente, resa grafica; o ancora la Dynamic Latency Input (DLI), il Variable Refresh Rate (VRR) e l’Auto Low Latency Mode (ALLM). Le ultime due tecnologie sono già presenti a bordo della famiglia Xbox One.

Sulla memoria interna sappiamo che entrambe le console faranno affidamento sugli SSD. A tal proposito è forse Sony quella che si è sbottonata maggiormente. Cerny ha affermato che si tratta di un modello di SSD realizzato ad-hoc per permettere performance migliori sui giochi e che dovrebbe avere una larghezza di banda superiore a quella degli attuali SSD per PC. Sappiamo anche i giochi per PS5 saranno modulari. Un esempio concreto? Di un gioco si potrà ad esempio installare solo la campagna, o magari installare la prima parte della storia per giocarci quanto prima mentre poi viene effettuato il download dei dati restanti.

Anche Xbox potrebbe sfruttare una soluzione per alleggerire la fase di installazione dei giochi, secondo però una voce di corridoio, ma solo con determinati giochi e solo a patto di avere una buona connessione. Xbox Series X potrebbe sfruttare Game Pass/Project xCloud per far giocare in streaming il titolo in fase di installazione per poi passare in un secondo momento alla versione installata in locale.

Passando alla potenza grafica, ovvero i TFLOPS, dovrebbe valere il discorso fatto poco fa in relazione alla CPU/GPU. Xbox Series X sarà il doppio più potente di una Xbox One X. Si parla quindi di 12 TFLOPS.  Questo dando retta alle parole di Phil Spencer. Sui comunicati stampa di Microsoft si legge invece “Its industrial design enables us to deliver four times the processing power of Xbox One X”: dubitiamo che Xbox Series X possa raggiungere i 24 TFLOPS e avevamo già espresso dubbi a riguardo in occasione dell’E3 2019. Su PS5 invece nessuno si è sbottonato ufficialmente a riguardo. Ci sono report che parlando di 13 o addirittura 14 TFLOPS, ma aspettiamo di avere qualche dato più certo prima di trarre conclusioni a riguardo.

Lato frame rate e risoluzione stesso identico discorso: entrambe le società hanno parlato di 4K, di 120 fps (come soglia massima, non come standard per tutti i giochi) e addirittura di 8K. In questo ultimo caso è probabile che si parli di upscaling, un primo accorgimento in vista dei televisori di nuova generazione.

Entrambe le console vanteranno poi una unità ottica (la “morte” del supporto fisico è rimandata), un lettore Blu-Ray 4K per la precisione. Almeno per quanto riguarda i giochi PS5, grazie all’utilizzo dei Blu-Ray 4K gli sviluppatori potranno mettere su disco un centinaio di gigabyte di dati. Lo stesso discorso è applicabile anche per Series X, anche se Microsoft non ci si è molto soffermata a riguardo.

Aspetto e dimensioni

Qui bisogna chiarire un punto essenziale: tutte le immagini di PlayStation 5 che stanno circolando in queste settimane, quelle con il particolare design a V anticipato da LetsGoDigital e confermato successivamente da una foto reale che vi abbiamo mostrato poco fa, fanno riferimento al dev-kit della console Sony. Si tratta quindi della versione provvisoria della console destinata agli sviluppatori. Il particolare design a V sembrerebbe essere stato realizzato per permettere di impilare più macchine una sopra l’altra mantenendo comunque una buona dissipazione termica. Perfetto quindi per tutti gli stress-test del caso.

Quello di Xbox Series X sembrerebbe invece essere il design definitivo. O almeno, il design definitivo di una delle console della fantomatica Serie X che, secondo più fonti, dovrebbe essere composta da almeno un paio di console. A proposito delle dimensioni, nella tabella di prima abbiamo indicato 16 x 16 x 31/35 cm. Una base quadrata di 16 per 16 quindi con un’altezza che va dai 31 ai 35 cm. Non sono dimensioni ufficiali diramate da Microsoft: si tratta di stime calcolate a partire dall’immagine con cui la società ha presentato la console. L’immagine in questione presenta un controller poggiato sulla parte frontale della console. Il controller di Xbox Series X è similissimo a quello dell’attuale Xbox, leggermente più piccolo a detta della stessa Microsoft. Proprio dalle sue dimensioni sono state stimate quelle della console.

Il particolare design a torre verticale comunque non preclude un utilizzo più classico: Xbox Series X può essere disposta anche in orizzontale, lasciando magari almeno un po’ di spazio per la dissipazione del calore che dovrebbe avvenire dalla griglia superiore. Se le misure venissero confermate comunque, Xbox Series X occuperebbe un volume quasi doppio rispetto a quello occupato da Xbox One X: 7930 centimetri cubi circa contro 4.320.

Controller

Partiamo dal DualShock 5 di Sony. Wired, in occasione dell’intervista a Jim Ryan, ha avuto modo di provare con mano un primo prototipo del nuovo DualShock. La più grande differenza con l’attuale DualShock è da ricercarsi nei pulsanti dorsali adattivi. Questi offriranno vari livelli di resistenza, in modo ad esempio da percepire il lancio di una freccia e di conseguenza la tensione della corda dell’arco, o anche per far percepire al meglio la differenza di feedback tra un fucile a pompa e un minigun. Anche il feedback aptico risulterebbe migliorato. I due lati del controller vanterebbero “attuatori voice coilprogrammabili singolarmente che permetteranno agli sviluppatori di personalizzare al massimo l’esperienza di ogni singolo videogioco. Si parla di una vera e propria esperienza tattile, non una classica vibrazione. Ad amplificare il tutto ci sarà anche uno speaker ancora più potente. Il peso sarà superiore a quello di un DualShock 4 (c’è anche una batteria più capiente) ma comunque inferiore a quello di un pad Xbox. Ecco un mockup di come dovrebbe apparire DualShock 5.0.

Per quanto riguarda invece il controller dedicato a Xbox Series X sappiamo che le forme riprenderanno sia quelle dell’attuale controller Xbox One che quelle dell’Elite Controller Serie 2. A detta di Phil Spencer le dimensioni sono leggermente più contenute di quello attuale. Anche qui ritroviamo dei pulsanti dorsali dotati di un feedback molto particolare. Dovrebbero avere un loro rumble dedicato. Si nota poi la presenza di un nuovo pulsante dedicato interamente alla cattura di screenshot o clip video. Il nuovo controller sarà compatibile anche con le vecchie Xbox One e con Windows 10. Inoltre tutti gli accessori dedicati all’ecosistema Xbox saranno pienamente compatibili con Xbox Series X.

Giochi

Come dicevamo all’inizio la sfida si giocherà anche sui giochi, ma al momento le notizie a riguardo scarseggiano. Vediamo di fare un riepilogo di cosa è noto e di cosa ci si può aspettare.

PLAYSTATION 5

In occasione dei The Game Awards è stato annunciato il primo, vero gioco in arrivo su PlayStation 5, Godfall, sviluppato da Counterplay Games e pubblicato da Gearbox.

Di certo poi non c’è molto altro. Possiamo aspettarci una versione dedicata a PS5 di Final Fantasy VII Remake. Sappiamo che la prima parte del JRPG Square Enix sarà esclusiva PS4 solo per un anno. Al termine di questa esclusiva saranno però arrivate le console di nuova generazione. È probabile che la seconda parte arrivi in esclusiva temporale su PS4 e PS5.

LEGGI ANCHE: Migliori Giochi PS4

Ci pare poi piuttosto scontato che tra i titoli di lancio della nuova console Sony ci sarà Gran Turismo 7, nominato a più riprese da vari rumor, probabilmente una versione dedicata di The Last of Us 2, che uscirà prima su PS4. Continuando con i rumor si parla di una remastered di Demon’s Soul, Horizon Zero Dawn 2, e tirando in ballo i third party anche Watch_Dogs LegionRainbow Six Quarantine e Gods & Monsters di Ubisoft, tutti rimandati probabilmente in vista anche delle nuove console. I giochi, insomma, non dovrebbero mancare.

XBOX SERIES X

Sempre sul palco dei The Game Awards è stato mostrato in azione il secondo capitolo di una serie realizzata da Ninja Theory, una software house che ora si trova sotto l’ala protettiva degli Xbox Game Studios. Stiamo ovviamente parlando di Hellblade 2. Il filmato a seguire è realizzato con il motore di gioco.

A fargli compagnia ci saranno sua maestà Halo Infinite, di cui Microsoft ha mostrato un lungo filmato all’E3 2019, e Forza Motorsport 8, che porterà con sé un nuovo modello di guida, caratterizzato da una fisica ancora più realistica (soprattutto in ambito drifting), e un’intelligenza artificiale ancora più raffinata. Potremmo poi citare nuovamente i titoli Ubisoft, che sicuramente arriveranno anche sulla nuova Xbox. Ma sicuramente Microsoft ha qualche asso nella manica che ancora non ha svelato. D’altronde i rumor sul nuovo Fable si fanno sempre più insistenti!

Retrocompatibilità

Sul fronte retrocompatibilità sarà un bel testa a testa… che probabilmente sarà vinto nuovamente da Microsoft. Xbox Series X sarà infatti compatibile con tutti i giochi delle precedenti generazioni di console di casa Microsoft, e come già accennato anche con tutti gli accessori!

E PS5 invece? La situazione in questo caso è ancora piuttosto confusa. Secondo quanto affermato da Mark Cerny diversi mesi fa, ci sarà sicuramente la retrocompatibilità con PlayStation 4. Tiriamo poi in ballo nuovamente Mark Cerny. Ci sono dei brevetti firmati dallo stesso responsabile dell’architettura di PS4 e PS5 relativi proprio alla retrocompatibilità con tutte le vecchie console di casa Sony. Se volete approfondire vi lasciamo con i relativi articoli dedicati ai brevetti:

Video approfondimenti

Conclusioni

La partita è ancora apertissima, con la differenza che Microsoft sta giocando un po’ più a carte scoperte del previsto. Entrambe le console arriveranno sul mercato nel periodo natalizio 2020 (fine novembre/inizio dicembre) e le differenze che davvero le contraddistingueranno devono ancora essere evidenziate.

Di PlayStation 5 potremmo saperne di più in occasione di un evento che potrebbe tenersi a febbraio. Per Xbox Series X dovremo con tutta probabilità aspettare l’E3 2020. Aggiorneremo comunque l’articolo con eventuali novità di rilievo a riguardo.