Rapporto annuale sul mercato dei videogiochi in Italia: registrata una crescita enorme rispetto al 2019

Rapporto annuale sul mercato dei videogiochi in Italia: registrata una crescita enorme rispetto al 2019
Vito Laminafra
Vito Laminafra

IIDEA, associazione che rappresenta l'industria videoludica in Italia, ha da poco pubblicato un report annuale riguardate il settore del gaming nel nostro Paese. Rispetto al 2019, questo settore ha visto una crescita storica del 21,9%, che ha generato un giro d'affari di oltre 2 miliardi e 179 milioni di euro.

In particolari, questi sono alcuni dati salienti circa questa crescita:

  • Le vendite sul fronte software hanno fatto ancora da traino al settore con un giro d’affari di 1,7 miliardi di euro e una crescita del 24,8% rispetto al 2019.
  • Il segmento digitale, comprensivo di digital download su console e PC e di app, ha registrato la più grande espansione, passando dai 602 milioni di euro dell’anno precedente ai 799 milioni del 2020.
  • Complice la buona performance delle console next gen e di Nintendo Switch, l’hardware ha generato un turnover di 395 milioni di euro, con un trend di crescita del 6,9%.
  • Il numero dei videogiocatori è rimasto sostanzialmente invariato rispetto alla rilevazione precedente, con 16,7 milioni di persone, ovvero il 38% della popolazione italiana compresa tra i 6 e i 64 anni.
  • A crescere è stato, però, il coinvolgimento nei confronti dei videogiochi: nel corso del 2020 gli italiani hanno dedicato in media 8 ore a settimana a giocare su tutti i device: oltre mezz’ora in più rispetto alla rilevazione precedente.

È utile notare anche l'impatto della pandemia sul settore videoludico: com'era lecito aspettarsi, durante i periodi di lockdown si è visto un aumento del tempo di gioco degli utenti di circa un ora in più a settimana rispetto allo scorso anno. I titoli multiplayer sono stati molto apprezzati: il 50% li ha utilizzati per rimanere in contatto con gli amici, il 48% per sentirsi meno isolato e il 39% come strumento per sentirsi meno ansioso.

Commenta