7.0

Bow to Blood – Chi trova un amico… trova un tesoro? (recensione VR)

Giorgio Palmieri -

Recensione Bow to Blood – Raccontare un videogioco non è sempre così semplice, specie quando tra le mani ti capita un “reality show procedurale con gestione di relazioni basate su scelte morali” come Bow to Blood per PSVR. Roba mica da poco. Ecco la nostra recensione.

LEGGI ANCHE: Unearthing Mars 2, la recensione (PSVR)

Editore Tribetoy
Sviluppatore Tribetoy
Piattaforme PSVR
Genere Azione
Modalità di gioco Singolo giocatore
Lingua Inglese
Prezzo e acquisto 29,99€

Sei stato nominato


Che avesse attirato la nostra attenzione ben prima dell’uscita è un dato di fatto: avevamo parlato di Bow to Blood con gli sviluppatori in persona, in un’intervista, cercando di capire quali fossero i punti di forza di una produzione senz’altro molto coraggiosa.

Il titolo di Tribetoy infatti nasce anzitutto per fornire ai giocatori un’esperienza quanto più profonda e rigiocabile possibile, destinata a rimanere a lungo sul disco fisso della console. Questo perché Bow to Blood si configura come uno sparatutto aereo immerso in una competizione alla stregua di un reality show a puntate.

Ogni episodio conta una manciata di round, ciascuno dei quali offre un terreno sul quale collezionare punti, che andranno poi a definire la vostra posizione in classifica. Ritrovarsi tra gli ultimi due posti significa accedere alla fase di voto a fine manche, dove i partecipanti decreteranno chi tra i due rimarrà in gioco. E qui emerge la forza della creatura di Tribetoy.

Il cast di sfidanti gode di un’intelligenza artificiale capace di delineare personalità, obiettivi e motivazioni differenti a seconda delle situazioni. Di tanto in tanto, i personaggi vi parleranno attraverso una semplice schermata testuale, ponendovi domande alle quali dovrete rispondere attentamente tramite delle scelte piuttosto chiare. Potreste aiutarli nei momenti di bisogno, o farvi aiutare nel caso in cui abbiate stretto un’alleanza in precedenza, ma nessuno vi vieta di attaccarli quando meno se lo aspettano. I partecipanti si ricorderanno del vostro comportamento e delle vostre risposte, e si adatteranno conseguentemente, come in un gioco di ruolo. La scelta su come porvi sta a voi, nell’ottica che vede vincitore solo uno tra gli otto sfidanti.

Tolta la parte ruolistica, quel che rimane è uno sparatutto spaziale classico, privo di grandi acuti: dallo sparo alla manovrabilità, tutto trasmette un feeling un pelino plasticoso, artificiale, incapace di dipingere la pesantezza e la solidità del mezzo pilotato. Ci si può muovere in totale libertà, sia con il Dualshock che con una coppia di PlayStation Move, dove il primo sembra avere la meglio sui secondi.

Vi è anche una lieve, ma interessante gestione dell’equipaggio e delle risorse, visto che è possibile assegnare uno dei due membri della ciurmaglia ad uno dei cinque settori, dagli scudi alla torretta automatica, per alimentare o attivare quel specifico potenziamento del velivo. Stessa cosa vale per il pannello di controllo, da cui potrete deviare la potenza in quattro diversi scompartimenti per massimizzare l’efficacia di uno al posto di un altro. Più difficile a dirsi che a farsi, ma il tutorial iniziale saprà senz’altro spezzare ogni dubbio, purché lo ascoltiate con dovuta diligenza. Spicca anche un sistema di sponsorizzazioni, ottenute giocando, che consentirà di iniziare i match successivi con qualche piccolo bonus in più, delle migliorie che non vanno a intaccare l’equilibrio della difficoltà. In più, vi sarà concesso di salvare la partita a round concluso: ovviamente, essere eliminati vuol dire dover ricominciare daccapo l’intera stagione.

L’esperienza si dimostra fin da subito molto più profonda rispetto a quanto siamo soliti gustare sulla realtà virtuale, anche perché una stagione completa dura all’incirca cinque ore, ma vi assicuriamo che prima di raggiungere i titoli di coda dovrete affrontare diverse partite, in maniera tale da conoscere l’algoritmo che anima Bow to Blood. Un algoritmo che, peraltro, si intrufola anche nelle ambientazioni: infatti, sia le zone su cui viaggerete, che gli eventi da completare per ottenere punti, saranno generati casualmente di partita in partita, sulla base di ecosistemi preconfezionati, non particolarmente diversificati dal punto di vista estetico.

Non si può nemmeno gridare al miracolo di varietà nella loro struttura. D’altronde, gli eventi spaziano dalla sconfitta di un certo numero di nemici alla raccolta di oggetti (piuttosto noiosa), per poi finire su gare al cardiopalma attraverso dei portali. Le zone sono comunque ampie e ospitano anche più di un singolo evento, che, a sua volta, potrà collegarsi con uno adiacente. È importante sapere che per la maggior parte degli eventi sarete in compagnia di un solo sfidante: potrete parlarci, stringere un’alleanza, e magari tradirlo mentre se ne sta buono a collezionare i suoi meritati punti. Subirete le ire di una parte dei partecipanti, e l’approvazione di altri, e magari qualcuno potrebbe montarvi una bomba sulla nave nel round successivo…

Purtroppo la grafica non stupisce: c’è un’idea artistica dietro, la si percepisce, con location colorate e vivaci, eppure la resa visiva non comunica una grande spazialità, insieme ad una rappresentazione delle navi avversarie un po’ anonima. L’audio riveste un ruolo marginale, dato che la maggior parte dei dialoghi avviene in forma testuale, anche se il doppiaggio in inglese del presentatore e dei due membri della ciurma è di buona qualità, sebbene le frasi si ripetano troppo spesso: musica e effettistica invece fanno il loro dovere, ricreando un’atmosfera da cartone animato della domenica mattina.

7.0

Giudizio Finale

Recensione Bow to Blood Giudizio Finale – Sebbene si crogioli in una giocabilità meno coinvolgente rispetto ad altre produzioni simili, Bow to Blood riesce comunque ad emergere grazie ai suoi assi nella manica: introdurre un sistema di relazioni tra sfidanti si è rivelata una scelta vincente, che dà vita ad un’esperienza unica sulla realtà virtuale, nonostante le pecche. Non un prodotto per tutti, ma di sicuro riuscirà a ritagliarsi una fetta di interessati.

PRO CONTRO
  • Il sistema di relazioni funziona
  • Interessante gestione delle risorse del velivolo
  • Potenzialmente molto longevo
  • La giocabilità trasmette sensazioni artificiose
  • Varietà di mappe ed eventi migliorabile
  • Grafica nella media

Recensione Bow to Blood – Trailer

Recensione Bow to Blood – Screenshot