Kirby Fighters 2 è il gioco Nintendo che costa poco e dà tanto (recensione)

Giorgio Palmieri

Recensione Kirby Fighters 2

In un panorama che vede spesso annunci prematuri, Nintendo ha sorpreso tutti lanciando un gioco contestualmente alla presentazione, in esclusiva sul Nintendo eShop: non è la prima volta che succede, ma di certo è una pratica che non si vede tutti i giorni. Ecco la recensione di Kirby Fighters 2, seguito diretto del capitolo originale uscito su Nintendo 3DS circa sei anni fa.

LEGGI ANCHE: Recensione Super Mario 3D All-Stars

Editore Nintendo
Sviluppatore HAL Laboratory, Inc / Vanpool
Piattaforme Nintendo Switch
Genere Picchiaduro
Modalità di gioco Singolo giocatore, Multigiocatore (locale, online)
Lingua Italiano

Per tutti, belli e brutti

Sebbene possa essere scambiato per una copia di Super Smash Bros., in realtà Kirby Fighters 2 si distanzia dalla evidente ispirazione per proporre un titolo più semplice da assimilare. Il genere è sempre quello del picchiaduro in due dimensioni, le cui arene si sviluppano su più livelli e accolgono un massimo di quattro lottatori, ma la formula abbraccia delle più canoniche barre della vita, da azzerare per sconfiggere gli avversari, senza quindi appellarsi alle percentuali di peso tipiche della serie madre.

Il cast è composto da diversi Kirby, 17 in tutto, ognuno dei quali sfoggia una delle abilità di copia che li differenzia a dovere: c’è il Kirby con la spada, quello magico, armato di bombe, il wrestler e tanti altri. Al fianco non manca la possibilità di vestire i panni di altre personalità note dell’universo, come Meta Knight o King Dedede, per un buon roster di 22 personaggi e ben 20 arene, ciascuna con le sue trappole e le sue particolarità.

Il sistema di lotta invece contempla un solo tasto per l’esecuzione degli attacchi, la cui pressione prolungata o l’accompagnamento di una freccia direzionale permette di effettuare mosse diverse. Si può saltare, schivare, aspirare e parare, e ovviamente raccogliere i tanti oggetti che di tanto in tanto appaiono nello scenario, sia offensivi, che curativi. Una meccanica particolarmente gradita è quella della condivisione: se si gioca in due, infatti, dopo aver raccolto un bonus, lo si può dividere con l’alleato semplicemente andandogli incontro. Inoltre, se uno dei due membri della squadra esaurisce i punti vita, può tornare in campo sotto forma di fantasma, e un colpo ben assestato gli consentirà di ritornare ancora una volta in vita.

Quel che ne viene fuori è un’interpretazione certamente più edulcorata del Super Smash Bros. a cui siamo abituati, ma non in maniera negativa. È chiaro che l’utenza alla quale si rivolge è quella più casual: gli scenari sono più piccoli, l’azione molto più pulita e per imparare a giocare bastano davvero pochi minuti, cosa che lo rende perfetto per essere un candidato per le serate tra amici. Nell’alchimia delle lotte, ciò che fa storcere il naso è più che altro la mobilità, più goffa e meno dinamica rispetto ad altri esponenti, anche in virtù delle arene più contenute. Si sente poi l’esigenza di qualche abilità in più, specie per alcuni lottatori meno performanti di altri.

Malgrado quanto detto, l’offerta non si dimentica di ingolosire anche i giocatori solitari, con ben due modalità dedicate a loro. La prima, Rivali Fatali, la si può affrontare con un alleato guidato dall’intelligenza artificiale o anche in cooperativa locale, e consente di scalare una torre piena di incontri, alle volte sotto condizioni uniche: purtroppo i modificatori non cambiano troppo le carte in tavola e il più delle volte non farete altro che menare le mani a più non posso senza preoccuparsi delle conseguenze, a prescindere appunto dalle condizioni. Ogni scontro vi premia però con un potenziamento, a scelta tra una manciata, che sarà mantenuto per tutta la durata del capitolo, come pietre dell’attacco, della difesa e adesivi in grado di migliorare l’efficacia degli oggetti raccolti in battaglia. Talvolta si paleseranno pure dei boss, caratterizzati da lotte molto divertenti e che senza dubbio aumentano la varietà dell’esperienza, oltre che la godibilità.

Bella anche la modalità Un giocatore, cioè una sorta di sopravvivenza divisa in 9 battaglie, a scelta tra tre difficoltà, che farà la gioia dei puristi delle sole lotte. Ovviamente non manca nemmeno la Battaglia Libera, con tutte le variabili del caso per personalizzare lo scontro, affrontabile fino ad un massimo di quattro giocatori: del resto, basta un solo Joy-Con per giocare. Vi è persino un angolo online, nel caso voleste mettervi alla prova con gli utenti di tutto il mondo.

A prescindere dall’attività svolta, poi, il gioco ricompensa con dei punti mediante i quali si passerà di livello combattente, così da sbloccare nuovi contenuti, come personaggi, arene e altri potenziamenti per la modalità Rivali Fatali. È proprio quest’ultima a fornire il maggior introito di punti, specie durante le fasi finali. Il pacchetto, infine, è racchiuso in un’estetica dolce, come ogni produzione Nintendo che si rispetti, nonostante questo faccia parte dei titoli budget. Ottime musiche, ottima effettistica e in generale un’ottima pulizia a schermo formano una resa particolarmente piacevole.

7.5

Giudizio Finale

Kirby Fighters 2 è un picchiaduro per tutti, per i più piccoli, per chi cerca un titolo dritto al punto o uno da condividere in una serata tra amici troppo stanchi per imparare qualcosa di complesso al volo. È anche perfetto da giocare in cooperativa con un partner, soprattutto se non avvezzo ai videogiochi. La buona offerta di contenuti in relazione al prezzo di lancio, poi, lo rende ancor più prelibato. Una volta capito però potreste volerne di più, e a quel punto sarà un imperativo rivolgere l’attenzione verso il cugino più grande.

PRO CONTRO
  • Buona offerta di contenuti
  • Comparto audiovisivo dolce
  • Sistema di combattimenti immediato…
  • … ma si sente l’esigenza di qualche mossa in più
  • Movimenti lievemente goffi, pesanti

Trailer

Screenshot

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.