Ho giocato a Miitopia e adesso mi sento un po' vecchio

Ho giocato a Miitopia e adesso mi sento un po' vecchio
Giorgio Palmieri
Giorgio Palmieri

Ho trent’anni e ammetto di essere un fan dei giochi per i più piccoli. Non credo sia una cosa strana: semplicemente sono cresciuto a pane e tie-in dei film e cartoni animati Disney, Pixar, Dreamworks, Looney Tunes, Asterix e Obelix, Tom e Jerry… e sì, in questo momento faccio un po’ di fatica a ricordarli tutti.

Da bambino ho passato molto, moltissimo tempo ad ingurgitare quantità su quantità di videogiochi per bambini e ragazzi, a prescindere dalla loro qualità (generalmente bassa). Mi hanno aiutato a discernere la coscienza critica dal piacere personale: sapevo che (alcuni di) quei giochi fossero brutti, ma li giocavo comunque perché tutto sommato mi piacevano (e perché amavo le opere a cui si ispiravano)... e poi ormai ero diventato un'enciclopedia vivente di tie-in.

Dunque: mi sono approcciato a Miitopia con una mentalità aperta. È palesemente un gioco per bambini, o meglio, è un “gioco per tutti”. Ma sapete, un conto è realizzare un “gioco per tutti”, un altro è saper realizzare un “gioco divertente per tutti”, un gioco stratificato, uno che sappia dare qualcosa al trentenne, al bambino, all’adolescente e anche agli over 60. E Nintendo li sa fa davvero bene, i giochi stratificati. L’unico inghippo? Miitopia non lo è, perché è un gioco solo per bambini (o neofiti, al massimo).

Cos'è Miitopia

Prima di tutto, cos’è Miitopia? È un gioco di ruolo super (super) edulcorato uscito a luglio 2017 su Nintendo 3DS, che adesso è disponibile anche su Nintendo Switch grazie ad un’operazione di restauro che ha migliorato sensibilmente la grafica, dai materiali alla risoluzione, e aggiunto nuovi contenuti, come la presenza dei cavalli, assenti nell'originale.

Come suggerisce il titolo, l'intera esperienza è basata sui Mii, cioè gli avatar nati con l'avvento di Wii, e divenuti simbolo di Nintendo. Si crea un eroe tramite l'editor, ne si sceglie estetica, classe e carattere, e lo si lancia in un'avventura che, con le fattezze di un gioco di ruolo giapponese, racconta una storia dove un cattivone ha rubato i volti di una parte degli abitanti di Miitopia.

L'introduzione alle meccaniche di gioco avviene in maniera indolore, leggera, curiosa, e vi fa credere che il gioco nasconda una grande profondità al suo interno. Questo perché vengono implementate diverse meccaniche molto velocemente, tutte legate alle interazioni tra i Mii. Peccato che il tutto sia automatizzato e sia subito quasi esclusivamente in modo passivo.

Giocare passivamente

Cosa si fa in Miitopia? Si sceglie una zona da visitare, la si esplora in modo quasi completamente automatico (di tanto in tanto vi sarà chiesto di aprire un baule, di scegliere quale via percorrere ad un bivio e altre poche cose) e, mentre lo si fa, potrete essere attaccati dai mostri. Le lotte si sviluppano a turni, ma avrete il controllo solo e soltanto del vostro eroe, mentre i restanti tre membri del gruppo saranno guidati dall'intelligenza artificiale.

È possibile attaccare, effettuare abilità attive (pochine) e utilizzare gli oggetti per curarsi. In realtà il giocatore non fa alcuna differenza, perché i migliori attacchi e i potenziamenti più efficienti sono attivati da variabili casuali sulle quali non avrete controllo. Insomma, attiverete il controllo automatico anche per il protagonista, più prima che poi.

Potenziamenti

Le variabili casuali a cui facevamo accenno ruotano attorno all'affinità. Dopo aver completato l'esplorazione di una zona, farete tappa in una locanda dove potrete partecipare a varie attività per incrementare le statistiche dei Mii e migliorare l'affinità: basta inserire due Mii in una stessa stanza per fare in modo che interagiscano tra loro (tranquilli, tutto in fascia protetta), in maniera tale da innalzare il loro feeling, Questo sbloccherà abilità molto utili, che si innescano casualmente in battaglia, come protezioni, bonus, attacchi combinati e così via.

In più, durante l'avventura otterrete spesso e volentieri dei biglietti con i quali far partecipare i Mii alle attività: si potrà mandarli in spiaggia, al cinema, al bar, e godere di scenette tra i vostri personaggi. Si ingelosiscono, si danno una pacca sulla spalla, stringono profonde amicizie, il tutto accompagnato da brevi dialoghi infantili. Sarebbe anche simpatico, se non fosse per un'enorme problema: la ripetitività.

No creatività, no party

Buona parte del divertimento offerto da Miitopia deriva dal suo editor. I personaggi del vostro gruppo, quelli che popolano la storia, gli abitanti della città e persino il cattivone, possono essere realizzati con l'editor dei Mii. L'idea è quella di mettere i volti dei vostri parenti, conoscenti, dei partner e degli amici al posto dei pupazzi preimpostati, così da rendere più personale ed intima l'esperienza, che comunque è rivolta esclusivamente ai giovanissimi, in virtù di un tono e di una comicità molto leggera ed innocente. Senza queste interazioni tra i Mii, e senza il vostro interessamento nei confronti di queste interazioni, l'avventura viene assalita da una ripetitività dilagante che il gioco stesso riconosce, tanto è vero che è stato inserito un pulsante per velocizzare qualsiasi cosa, dallo scorrere dei dialoghi ai combattimenti.

A chi è rivolto Miitopia (e a chi no)

Miitopia è un gioco di ruolo davvero troppo guidato e ripetitivo per poter piacere a tutti. Lo si apprezza per il suo editor e per essere un'esperienza che non esiste altrove, ma si fa fatica a goderselo a causa delle eccessive semplificazioni. Lo consigliamo ai più piccoli che desiderano divertirsi con i Mii, a crearli e a farli interagire, le cui relazioni sono del tutto senza barriere (e questo è anche un bel messaggio), eppure siamo convinti che anche loro percepiranno una monotonia di fondo, la quale poteva essere smussata semplicemente dando più controllo al giocatore e aggiungendo minigiochi in grado di fornire più assortimento di situazioni.

In ogni caso, vi informiamo che Miitopia è disponibile su Nintendo Switch nei negozi fisici e digitali al prezzo di 49,99€.

Trailer

Immagini

Commenta