8.0

L’immortalità di Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Legacy (recensione)

Giorgio Palmieri -

Recensione Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Legacy – Dovessimo raccontarvi l’epopea di Naruto, non sapremmo da dove cominciare. C’è davvero tanto da raccontare, tanti personaggi, molte evoluzioni, una secchiata di risvolti, di ritorni, di emozioni.

Qualcosa la saprete senz’altro, anche senza aver mai visto una puntata del cartone animato, o letto un capitolo del fumetto. Quel ninja dalla bizzarra tenuta arancione, che di ninja poi ha ben poco, è il protagonista di una storia complessa, difficile da narrare in un videogioco, se non in un titolo ruolistico di stampo nipponico fatto come si deve, che chissà se un giorno avremo mai tra le mani.

Di giochi in realtà ne sono stati realizzati molti, ma mai nessuno ha raccolto tanti consensi come la serie Ultimate Ninja Storm, divenuta celebre per la qualità nell’adattamento dello spirito dell’opera, tanto da essere considerata un esempio maestoso di trasposizione da manga/anime a videogioco.

LEGGI ANCHE: Quello che sappiamo sul nuovo gioco di Naruto

Da non dimenticare, per dovere di cronaca, gli episodi realizzati da Ubisoft, Rise of a Ninja e The Broken Bond, usciti sotto l’egida di Microsoft come esclusive Xbox 360, verso la fine del 2007. Non fecero purtroppo breccia nel cuore del popolo nipponico a causa della piattaforma sulla quale giravano, eppure le riteniamo ancora oggi delle grandi avventure in salsa picchiaduro, troppo spesso dimenticate.

Ritornando a noi, sono passati anni dalla nascita dalla saga di Ultimate Ninja Storm: ripercorriamo rapidamente la storia del lavoro condotto da Bandai Namco e CyberConnect2 grazie alle recenti collection Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Trilogy e Legacy, uscite su PS4, PC e Xbox One, e vediamo se possono interessarvi.

Editore Bandai Namco
Sviluppatore CyberConnect2
Piattaforme PS4, XB1, PC
Genere Picchiaduro
Modalità di gioco Singolo giocatore, multigiocatore

Io credo in me

Mettiamo subito in chiaro una cosa. Anzi, mettiamone in chiaro due: Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Trilogy racchiude al suo interno i tre titoli della serie, usciti sulle piattaforme della scorsa generazione, in una raccolta restaurata, compreso il terzo in versione Full Burst, quella completa di tutti i DLC. Sfortunatamente, la vendita di questa trilogia è legata ai soli canali digitali.

La Legacy, invece, è disponibile sia in edizione fisica che digitale, e comprende anche Ultimate Ninja Storm 4: Road to Boruto, la versione completa (Gioco + Season Pass + Espansione di Boruto) del capitolo uscito lo scorso anno sulle attuali console, e su PC.

Gli episodi spin-off Generations e Revolution sono stati tagliati fuori, ma poco male: siamo davanti ad una collezione imponente in termini di contenuti, che segue per filo e per segno le principali vicende dell’opera, evolvendo le meccaniche di gioco di capitolo in capitolo.

Si parte dal primo titolo Storm per PS3, un picchiaduro, datato 2008, realizzato sulla base del già ottimo Ultimate Ninja su PS2. A differenza di quest’ultimo, Ultimate Ninja Storm vantava (e vanta) ambienti tridimensionali, e soprattutto una fedeltà maniacale nei confronti del materiale originale. Era stato persino introdotto un Villaggio della Foglia totalmente visitabile, dal quale raggranellare missioni e compiti secondari, quasi sempre incentrati su lotte uno contro uno, marchio di fabbrica dell’intera saga.

Il sistema di combattimento è molto semplice, e si basa sull’utilizzo simultaneo di due aiutanti richiamabili con i tasti dorsali, degli attacchi direzionali, una serie di oggetti consumabili e una manciata tra Arti Magiche, Tecniche Supreme e il cosiddetto Risveglio, lo stato che rende inarrestabile il proprio personaggio una volta subita una certa quantità di danni.

Il tratto distintivo del gioco di CyberConnect 2 sta proprio nella costante spettacolarità dell’azione: non ci sono semplici pugni e calci, ma anche la più semplice delle mosse rappresenta un pretesto per mostrare combo visivamente fenomenali. Non si tratta quindi di un picchiaduro tecnico, altroché, eppure è quanto di più vicino al cartone animato si possa desiderare, il quale raggiunge la sua massima espressione durante le battaglie contro i boss, che si avvalgono anche di scene guidate da un sapiente utilizzo dei quick-time-event.

Chiaramente tutti questi aspetti elencati hanno ricevuto diversi miglioramenti nel corso della saga, dei perfezionamenti che avrete modo di toccare con mano con questa collection, in particolare nel gameplay, dove le dinamiche si sono fatte man mano sempre più competitive, tanto da introdurre una componente online, rimanendo però fedele all’immediatezza che lo ha sempre contraddistinto.

La stessa cosa vale per la modalità storia, intitolata con nomi sempre altisonanti, come Ultimate Mission Mode: se nel primo capitolo abbiamo un hub centrale non avaro di segreti, la cui progressione narrativa è alquanto lenta, blanda e superficiali, nei successivi la sperimentazione ha coinvolto fasi a telecamera fissa, filmati spettacolari, sequenze hack and slash contro più avversari contemporaneamente, e persino una biforcazione netta nel quarto, in cui troviamo sia la Storia che l’Avventura, la prima dedicata allo scorrimento lineare delle vicende del manga, l’altra per l’esplorazione tra missioni secondarie. Peccato che questa non fosse paragonabile alla libertà data dal Villaggio della Foglia del primo Storm, un discorso che purtroppo non è stato mai più approfondito.

Comunque sia, pur essendo una collection completa, forte di un cast di personaggi assolutamente enorme, Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Legacy (e Trilogy, a seconda delle vostre esigenze) rimane comunque un pacchetto dedicato specialmente ai fan: il sistema di combattimento e i metodi narrativi sono stati costruiti con in mente chi questi personaggi già li conosce, o comunque possiede un’infarinatura generale del loro universo.

È probabile quindi che, in un modo o nell’altro, abbiate già giocato ai vari capitoli di Ultimate Ninja Storm. Per accontentare un po’ tutti, Bandai Namco ha deciso di rilasciare singolarmente ognuno dei tre Storm al prezzo di 19,99€, con la Trilogy a 49,99€ e la Legacy a 69,99€. C’è da considerare che il lavoro di restauro ha ripulito l’impatto visivo dalle seghettature presenti sui primi tre episodi, così da avvicinarli ai prodotti di questa generazione, anche se la spettacolarità di Storm 4 risulta inarrivabile. Purtroppo il frame-rate è ancorato ai soliti trenta fotogrammi al secondo.

8.0

Giudizio Finale

Recensione Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Legacy  Giudizio Finale – Ultimate Ninja Storm è una saga che va ricordata e Bandai ha deciso di immortararla nella sua (quasi) totale interezza con le collection Trilogy e Legacy, che contengono i vari episodi restaurati e venduti anche singolarmente, consentendovi quindi di gestire la spesa come preferite. È possibile dunque rivivere tutta la storia di Naruto e compagni dagli occhi di una serie che cresce di capitolo in capitolo, pur mantenendo intatta la semplicità delle sue meccaniche di picchiaduro. In quanto a fedeltà all’opera originale e alla capacità di catturare l’anima soprattutto del cartone animato, crediamo davvero che quella di Storm non sia seconda a nessun tie-in, almeno nel suo ambito.

PRO CONTRO
  • Modello di vendita abbastanza flessibile…
  • Miglioramento grafico tangibile…
  • Artisticamente notevole, fedelissimo all’opera
  • I combattimenti contro i boss raggiungono un’epicità indescrivibile
  • … ma la Trilogy è solo digitale
  • … peccato per i 30fps
  • La modalità libera del primo episodio non è stata troppo approfondita nei successivi

Recensione Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Legacy – Trailer

Recensione Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Legacy – Screenshot