Sony vuole combattere la scarsità di PS5 producendo nuove PS4

Sony vuole combattere la scarsità di PS5 producendo nuove PS4
Lorenzo Delli
Lorenzo Delli

È inutile ribadirlo: acquistare una PS5 di questi tempi è un'impresa quasi folle. Tra bagarini, prezzi osceni, poche unità disponibili alla volta, code virtuali infinite e spedizioni in ritardo, passare alla next-gen Sony ora come ora è un vero inferno. Ci siamo passati di recente, e ve ne abbiamo parlato giusto ieri in un TikTok.

Se ci fosse una soluzione rapida e indolore Sony la metterebbe sicuramente in atto, anche perché milioni e milioni di possibili acquirenti stanno letteralmente rimanendo a bocca asciutta. E purtroppo, per arginare in qualche modo la richiesta di console, Sony continuerà a produrre PlayStation 4 per il corso di tutto il 2022.

La notizia arriva niente meno che da Bloomberg, una fonte alquanto autorevole quindi. A quanto pare, e non fatichiamo a crederlo, trovare i componenti per assemblare le PS4 è di gran lunga più semplice che nel caso delle console next-gen. I piani originali prevedevano la cessazione della produzione di PlayStation 4 proprio alla fine del 2021, anche se, stando alla fonte, non c'era conferma ufficiale da parte di Sony di tale intenzione.

Il perché di tale mossa potrebbe apparire insensato, ma non lo è affatto. Al momento Nintendo si sta accaparrando una grossa fetta di utenza, sia per il suo parco giochi sempre più ampio e di qualità, sia anche per il fatto che la concorrenza diretta fatica a immettere sul mercato un giusto numero di console. Pare infatti che Nintendo Switch abbia superato quota 100 milioni di unità vendute (ancora Nintendo non ha diffuso i dati ufficiali), avvicinandosi pericolosamente al numero di PS4 vendute nel corso di questi ultimi 8 anni.

Pare poi che si tratti anche di una mossa atta a migliorare i rapporti con i produttori, stando alla fonte originale. PS4, come già accennato, è più facile da assemblare, e aggiungere al piatto un milione o più di ordini potrebbe permettere a Sony di strappare accordi migliori proprio con chi gli fornisce i componenti e chi li assembla.

Commenta