Perché prendere in considerazione Monster Hunter Rise

Giorgio Palmieri

Monster Hunter Rise sta arrivando nei negozi. Il nuovo capitolo della celebre saga di caccia di mostri firmata Capcom uscirà il 26 marzo 2021 in esclusiva temporale per Nintendo Switch, per poi giungere su PC nel corso del 2022. Si tratta di un episodio importante per la console ibrida del colosso di Kyoto: vi spieghiamo perché nel nostro articolo.

LEGGI ANCHE: Giochi Nintendo Switch

Il primo (vero) Monster Hunter su Switch


Monster Hunter è una saga longeva e conta numerosi capitoli. Su Nintendo Switch è disponibile Monster Hunter Generations Ultimate, la cui struttura però è molto vecchia, in quanto si tratta di una trasposizione da Nintendo 3DS. Monster Hunter Rise è dunque il primo capitolo della serie realizzato per Nintendo Switch, edificato sulla base di Monster Hunter World, cioè il capitolo uscito per PS4, Xbox One e PC che ha rivoluzionato non tanto la formula in sé, quanto la sua fruizione: ha subito uno svecchiamento a livello di responsività e di pulizia del sistema, due elementi che hanno sensibilmente migliorato la qualità dell’esperienza. Rise, appunto, è costruito proprio su World e aggiunge persino delle novità.

Cosa si fa in Monster Hunter? Si vestono i panni di un cacciatore con l’obiettivo di eliminare enormi mostri, dai quali estrarre materiali con cui forgiare nuovo equipaggiamento, per poi sconfiggere bestie ancora più potenti. Si crea un avatar, si sceglie un’arma tra le 14 disponibili e ci si avventura in macro-aree che fungono da arene per gli scontri. I mostri sono spinti da un’intelligenza artificiale adattiva in grado di modificare i combattimenti, rendendoli sempre nuovi. Il gioco lo si può affrontare in solitaria, ma è consigliato giocare in cooperativa (tramite wireless locale o online).

Gli insetti filo

Per svecchiare ulteriormente la mobilità della serie, Rise implementa i cosiddetti “insetti filo”, cioè una meccanica che evolve il rampino artiglio introdotto nell’espansione Iceborne di Monster Hunter World. A differenza di quest’ultimo, gli “insetti filo” possono essere utilizzati ogni volta che lo si desidera anche in aria, previa attesa di un piccolo tempo di ricarica. Servono a velocizzare gli spostamenti, ad effettuare schivate e attacchi speciali (note come “Abilità scambio”), e persino a scalare le pareti, aggiungendo quindi molta verticalità alla formula.

Cos’è la nuova funzione “Abilità scambio”? Le “Abilità scambio” sbloccano nuove mosse per ogni arma. Sono ottenibili nel corso dell’avventura e consentono di personalizzare ulteriormente il sistema di combattimento. Anziché ampliare il parco armi (che conta appunto 14 tipi come World), Rise introduce questa funzione per ampliare le opzioni offensive.

Cavalcare i mostri

Per la prima volta nella serie, sarà possibile cavalcare e controllare i mostri wyvern. Per poterlo fare, bisogna infliggere sufficienti danni tramite gli attacchi con insetto filo, così da scoprire la creatura e domarla. Di fatto lo si potrà comandare, effettuando attacchi e schivate contro altri mostri: si rivelerà molto utile nelle lotte contro più nemici contemporaneamente.

Fauna endemica

Non la si può definire un’introduzione clamorosa, eppure la “fauna endemica” va ad approfondire le possibilità di interazione con l’ambiente. Sono creature che vivono in ciascuna zona e, se scovate e raccolte, offrono una varietà di benefici temporanei o permanenti (o meglio, per tutta la durata della missione).

Compagni canini (e felini)

Un’altra importante novità risiede nei Canyne, i nuovi compagni di Monster Hunter Rise. Sono sostanzialmente dei cani sui quali sarà possibile salire in groppa per spostarsi velocemente senza consumare resistenza, così da ridurre i tempi di attesa tra una zona e l’altra. Potranno anche combattere, aiutandovi in battaglia sferrando attacchi. Anche i Felyne faranno il loro ritorno, i gatti iconici della serie, in grado di supportarvi in tante maniere diverse, aumentando le statistiche del vostro cacciatore o curando le ferite. Ovviamente entrambi gli animali potranno essere personalizzati nell’estetica, dal pelo alle orecchie, fino alla coda. A differenza del predecessore, sarà possibile portare fino a due compagni in battaglia (anziché uno) quando si gioca in solitaria, e solo uno quando si affronta il tutto in multigiocatore.

Nuova modalità “Furia”

Le missioni di caccia e di raccolta non saranno le uniche disponibili. In Rise sarà protagonista la “Furia”, un nuovo tipo di missione in stile tower defense dove i giocatori dovranno proteggere il villaggio di Kamura da orde di mostri. Il tutto avviene in un’area limitata denominata “La Fortezza”, dove sarà indispensabile sfruttare gli strumenti di difesa per avere la meglio. In realtà avevamo già visto delle missioni simili in precedenti capitoli, ma Monster Hunter Rise le renderà più complesse e articolate, visto che il tempo di preparazione tra un’orda e l’altra consentirà ai giocatori di posizionare i dispositivi di difesa liberamente, un elemento che conferisce un nuovo grado di strategia.

Multigiocatore migliorato

Anche questo capitolo differenzia le missioni per giocatore singolo da quelle multigiocatore. Non è quindi possibile affrontare la modalità storia in più persone. Tuttavia, non solo potrete giocare in modalità wireless locale (quindi nella stessa stanza con più Nintendo Switch collegate) e online (con l’abbonamento Nintendo Switch Online), ma finalmente il livello di difficoltà si adatta in tempo reale al numero di giocatori che stanno partecipando. Questo significa che, se per caso doveste iniziare una partita in quattro, e poi un membro dovesse andare via, il gioco plasmerà il livello di sfida, riducendolo di conseguenza.

Vi ricordiamo che Monster Hunter Rise sarà disponibile in esclusiva temporale per Nintendo Switch il 26 marzo 2021. Lo potete acquistare da Amazon al prezzo consigliato di 59,99€. È possibile provare una versione dimostrativa al cui interno vi sono 5 missioni differenti, giocabili in solitaria e cooperativa.

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.