Valve scende nell’arena del cloud gaming: annunciato Steam Cloud Play

Edoardo Carlo Ceretti

Dopo una lunga sequela di voci e indiscrezioni, Valve ha deciso di alzare i veli sulla sua piattaforma di cloud gaming, che sarà chiamata a rivaleggiare con i tanti concorrenti attuali e futuri. Il suo nome è Steam Cloud Play e, sebbene sia ancora in versione beta e il suo annuncio per ora è stato rivolto specialmente agli sviluppatori, ha già interessanti frecce al suo arco.

Steam Cloud Play si configurerà infatti come un servizio contenitore, che ospiterà al suo interno altri servizi di cloud gaming già esistenti. Il primo ad essere supportato è GeForce Now di NVIDIA, ma non sarà di certo l’unico. Man mano che Valve svilupperà nuove funzionalità e rafforzerà i suoi server, verrà esteso il supporto a nuovi servizi e dunque a più titoli e videogiocatori.

LEGGI ANCHE: I nuovi titoli disponibili per gli utenti Stadia Pro

In un primo momento, i giocatori dovranno scaricare il client di GeForce Now e loggarsi attraverso il proprio account Steam, per accedere alla libreria di titoli a loro disposizione. Si tratta dunque di una prima fase embrionale per Steam Cloud Play, che però dovrà velocizzare il passo e aprirsi ad un pubblico più ampio, se vorrà competere con i tanti rivali del settore.

OFFERTE SU AMAZON

CANALE TELEGRAM OFFERTE

Via: WccftechFonte: Valve
  • FoxlukeIT

    Questa notizia mi lascia un po’ interdetto cosa vorrà dire? Ge force now si appoggia a Steam… Come fa Steam ad appoggiarsi a GeforceNow? non mi è chiara questa cosa. staremo a vedere le notizie future

    • Infatti non ho capito bene. Se devo aprire Geforce now e poi Steam.. allora apro geforce now e basta..no?

      • Marco Micucci

        Infatti non e chiaro 🙄

  • cronico

    La mia idea è che sia qualcosa che riguardi le licenze di gioco, vista la querelle che c’è stata intorno alle dipartite su GFN. In pratica compri il gioco su Steam e ti ritrovi eventualmente la licenza per giocare su vari servizi cloud, presenti o futuri, tipo lo stesso geforce, Stadia, xCloud o un ipotetico servizio di Amazon.