The Elder Scrolls VI dovrebbe essere ambientato nella terra dei Redguard

Vezio Ceniccola -

L’annuncio dell’esistenza del nuovo The Elder Scrolls VI ha messo subito in agitazione i fan della serie di Bethesda, che hanno provato ad immaginare quali potessero essere le ambientazioni più probabili per il sesto capitolo di TES. Un indizio molto importante è arrivato negli ultimi giorni a causa di una disputa legale sul nome di questo gioco, confermando le ipotesi già arrivate nei mesi precedenti.

Come avevamo già svelato lo scorso settembre, il sottotitolo di The Elder Scrolls VI potrebbe essere “Redfall” e dovrebbe indicare una zona della mappa abbastanza precisa: la provincia di Hammerfell, vale a dire la regione abitata in larga parte dai Redguard che si trova ad ovest rispetto alle terre gelate di Skyrim.

La disputa legale tra Zenimax Media, società che controlla Bethesda Softworks, e il sito BookBreeze.com riguarda proprio questo sottotitolo. I diritti sul termine “Redfall” sono infatti in possesso di BookBreeze, che ha pubblicato una serie di racconti sotto questa dicitura. Proprio per questo Zenimax Media ha dovuto dimostrare l’interesse verso la parola e sembra essere intenzionata a trovare un accordo con la piattaforma online per poterla utilizzare per il suo nuovo gioco.

LEGGI ANCHE: Tamburi di guerra per The Elder Scrolls VI

Anche se si tratta di una conferma importante, le notizie su The Elder Scrolls VI rimangono comunque abbastanza nebulose. Messo in conto che le avventure principali si dovrebbero svolgere ad Hammerfell, non è detto che l’ambientazione del gioco non riguardi anche altre terre, come ad esempio la vicina provincia di High Rock.

Tutto quello che sappiamo ufficialmente sinora è contenuto nel brevissimo trailer rilasciato all’E3 dello scorso anno, che potete rivedere qui in basso.

Via: GamesRadar, MultiplayerFonte: USPTO