Una valanga di nuovi dettagli su Google Stadia: stand per smartphone, Gift Card, Achievement, 20 GB/h in 4K

Lorenzo Delli -

Il lancio di Google Stadia è sempre più vicino. Martedì 19 novembre il servizio di gaming in streaming di Big G. apre i battenti, ovviamente solo per chi ha acquistato le Founder’s Edition (terminate) o le Premiere Edition. A tal proposito abbiamo qualcosa da dirvi, ma procediamo per gradi. Ieri un paio di responsabili del nuovo servizio di Google hanno partecipato ad una sessione di botta e risposta su Reddit (il classico AMA Reddit) e proprio in vista del lancio si sono sbottonati su un bel po’ di dettagli.

Stadia non è una scatola

Partiamo subito con gli ordini delle Founder e delle Premiere Edition. Google ci tiene a ricordare che Stadia non arriva in una scatola! Spieghiamoci meglio: chi ha pre-ordinato una delle due edizioni riceverà il codice per accedere subito a Stadia dal momento in cui partirà la spedizione della edizione ordinata. Si potrà giocare immediatamente dagli smartphone Pixel o da Chrome utilizzando PC fissi, portatili (Windows, macOS, distro Linux) o Chromebook sfruttando mouse e tastiera o un qualsivoglia controller compatibile. Le Founder e Premiere Edition comprendono comunque degli oggetti (Chromecast Ultra e Controller) che arriveranno con una confezione ad-hoc. Come vi avevamo già accennato in un articolo a parte, gli ordini arriveranno a scaglioni. I primi che hanno ordinato la Founder Edition dovrebbero essere tra i primi a riceverla. In ogni caso i primi ordini saranno spediti il 19 novembre stesso.

Interfaccia

Sono state mostrate delle brevi clip che ci fanno vedere in azione l’interfaccia di Stadia sia da smartphone che da TV. C’è anche l’animazione con cui far partire giochi da smartphone per castarli su televisore. A proposito dello smartphone poi, non sarà obbligatorio utilizzarlo ogni volta che vogliamo giocare con Stadia. In teoria potete usarlo solo per la prima configurazione (che lo richiederà obbligatoriamente) e poi utilizzare semplicemente il controller di Stadia per avviare il servizio senza passare dall’app.

Aggiornamenti

Stadia funzionerà in modo simile ad altri servizi di casa Google quali Ricerca, YouTube e altri. Ciò significa che il servizio riceverà continuamente aggiornamenti graduali basati anche sui feedback degli utenti. I responsabili che hanno partecipato all’AMA Reddit si aspettano di vedere le prime novità già dopo le primissime settimane dal lancio. State Share e Crowd Play, quest’ultima forse una delle funzionalità più curiose di Stadia, saranno lanciate il prossimo anno. Sempre a proposito di aggiornamenti, i Chromecast Ultra che sono attualmente in commercio inizialmente non saranno compatibili con Stadia. Serviranno quelli inclusi nelle due edizioni da pre-ordinare che hanno in dotazione un firmware più aggiornato. Comunque anche gli Ultra già diffusi riceveranno a breve lo stesso firmware diventando pienamente compatibili con Stadia.

Prezzi

Si torna sull’argomento dei prezzi dei giochi. Google continua a sostenere che i prezzi proposti per l’acquisto dei singoli giochi sarà “competitivo con gli altri store“. Ancora non abbiamo capito se ci dobbiamo aspettare prezzi più simili a quelli visti sul PlayStation Store o più bassi come quelli previsti su Steam o Epic Games Store e simili per PC.

The Claw

C’è un accessorio inedito che è stato svelato proprio durante l’AMA Reddit. Si chiama The Claw ed è sostanzialmente uno stand da collegare al controller per utilizzarlo in combinazione con gli smartphone. Sarà prodotto da PowerSupport e sarà venduto tramite il Google Store. Un’ottima notizia, ma l’accessorio poteva tranquillamente essere incluso nelle due edizioni già in vendita senza prevedere una spesa aggiuntiva extra, almeno a nostro avviso. Si tratterà comunque di uno stand molto particolare, diverso dal solito. Visto che i classici stand tendevano a rendere la struttura complessiva troppo sbilanciata, si è pensato a far “galleggiare” lo smartphone sopra il controller. Lo smartphone si troverà quindi in una posizione centrale con il controller subito sotto. The Claw è apparso in uno dei video hands-on di Stadia dello scorso 31 ottobre.

Google Assistant

Stadia sin dal day-one sarà integrato con Google Assistant. Ad esempio potremo chiedere a Google Home o ad assistant su smartphone di far partire un gioco su Stadia: l’assistente accenderà il televisore e farà partire il gioco! Successivamente sarà possibile sfruttare a dovere il pulsante dedicato ad Assistant che si trova sul controller, permettendo all’assistente vocale di interagire con il gioco fornendoci anche suggerimenti. Piano piano arriveranno sempre più funzionalità!

Qualità dello streaming e giocare su Chrome

Sarà possibile direttamente dall’applicazione di Stadia decidere quale risoluzione adottare per i giochi. Se sappiamo già in partenza di avere una connessione che non ci permette un 4K stabile, possiamo scegliere la modalità bilanciata lasciare che Stadia capisca quale sia la risoluzione più adatta alla nostra rete. Altrimenti si può limitare il tutto a 720p, con un consumo di 4,5 GB l’ora; pensate che in 4K arriverà a consumare 20 GB l’ora, una bella mole di dati! Immaginiamo che in full HD consumi qualcosa compreso tra gli 8 e i 12 GB, ma è una stima molto alla buona.

In ogni caso Stadia si adatterà allo schermo su cui giocate quindi anche se non avete uno schermo 4K non avrete problemi di sorta. Per quanto riguarda il 4K poi, inizialmente sarà possibile giocare a questa risoluzione (con supporto all’HDR e al Surround 5.1) solo ed esclusivamente su TV con l’ausilio di Chromecast Ultra e controller dedicato. Su Chrome inizialmente non ci sarà né 4K né tanto meno HDR o 5.1, ma non vi preoccupate: nel 2020 il 4K e tutti i suoi benefici arriveranno anche su PC.

Family Link

Sin dal primo giorno Stadia sarà pienamente compatibile con Family Link, il servizio di Google che permette di personalizzare l’esperienza che i figli devono avere con gli smartphone e con i servizi di Big G. Anche su Stadia ci sarà una dashboard apposita da cui gestire il tutto. Non c’è però il supporto al Family Sharing, dovrebbe arrivare nel corso del 2020.

Nickname e Achievement

I nomi dovranno essere compresi tra 3 e 15 caratteri e contenere solo lettere o numeri (niente caratteri speciali quindi). Come forse saprete, i Founder non avranno codici numerici a fianco del nome (anzi, saranno identificati come fondatori). Se un fondatore vorrà cambiare name tag continuerà a non avere numeri identificativi a fianco, ma ci sarà in ogni caso bisogno del supporto Google per un cambio di nome.

A quanto pare poi il supporto agli achievement ci sarà dal primissimo giorno del servizio. Non ci sarà l’interfaccia che notificherà gli achievement né tanto meno quella riepilogativa che ce li mostra tutti, ma i giochi comunque registreranno i nostri progressi aggiungendo gli achievement al nostro account. Appena la UI si aggiornerà li vedremo tutti insieme nell’apposita sezione.

Credito Google e abbonamento annuale

Si potrà effettuare acquisti sullo store di Stadia utilizzando il credito Google! Ciò significa che il servizio è pienamente compatibile con le gift card di Google e anche con il credito che di solito si guadagna con Opinion Rewards! Per il momento però non sono previste forme di abbonamento annuale per Stadia Pro.

Buddy Pass

Il Buddy Pass, ovvero il codice extra incluso nella Founder’s Edition che ci permetterà di regalare 3 mesi di Stadia Pro (nonché l’accesso al servizio) ad un amico, arriverà più o meno un paio di settimane dopo aver ricevuto il bundle fisico.