La versione cinese di Fortnite chiude a metà novembre

Dal 15 novembre la versione cinese di Fortnite non sarà più disponibile per gli utenti. Epic Games lo ha annunciato con un comunicato sul sito ufficiale.
La versione cinese di Fortnite chiude a metà novembre
SmartWorld team
SmartWorld team

Fortnite non più disponibile in Cina

Fortnite conclude la sua fase di test in Cina. Epic Games, azienda che ha prodotto il gioco di sopravvivenza, ha deciso di mettere un punto a metà novembre. Nessuna informazione circa le motivazioni che hanno spinto la compagnia allo stop di Fortnite. Con una breve comunicazione sul sito ufficiale, Epic Games ha spiegato come procederà alla chiusura: dal 1° novembre nessun nuovo utente potrà registrarsi e da metà mese il gioco non sarà più disponibile nemmeno per gli iscritti.

Il comunicato di Epic Games

"Cari utenti, il test di Fortnite è giunto al termine e chiuderemo i server nel prossimo futuro. Le disposizioni specifiche per fermare il test sono le seguenti. Il 1° novembre 2021 alle 11, la registrazione per i nuovi utenti del gioco cesserà e il portale di download sarà chiuso. Il 15 novembre 2021 alle 11, i server del gioco saranno chiusi e gli utenti non potranno accedere al gioco. Grazie a tutti coloro che sono "saliti sull'autobus" (espressione tradotta dal cinese, ndr) per partecipare alla versione beta di Fortnite! Se hai domande o suggerimenti sullo spegnimento, inviaci il tuo feedback", questa la comunicazione pubblicata da Epic Games sul sito ufficiale in cinese per annunciare la chiusura del gioco.

Le restrizioni cinesi relative ai giochi

Al momento non è stata fornita alcuna informazione aggiuntiva sulle ragioni per le quali l'azienda di gaming abbia deciso di imporre lo stop al gioco. Si pensa che la decisione abbia a che fare con le nuove restrizioni imposte in Cina relative al tempo trascorso dai bambini con i videogiochi. Da agosto, i bambini e i ragazzini di età inferiore a diciotto anni avranno un tempo limite per giocare ai videogiochi: non più di tre ore alla settimana. I media cinesi sono severi e piuttosto scettici quando si parla di questo tipo di giochi online, che vengono definiti "oppio spirituale".

Il controllo su internet e, di conseguenza, anche sui giochi online ha investito anche Fortnite, con Epic Games che ha preferito concludere questo esperimento. Le politiche del governo cinese avevano imposto in passato anche un orario che impediva ai bambini di giocare ai videogiochi tra le 22 e le 8 del mattino e stabiliva il limite di 90 minuti nei giorni feriali. Per rispettare queste regole, è stato ideato e messo appunto persino un sistema di riconoscimento facciale per individuare i bambini che giocano oltre il limite di tempo stabilito.

Le differenze della versione cinese

Il lancio del gioco in Cina era frutto della collaborazione tra Epic Games, l'azienda sviluppatrice di giochi statunitense e Tencent, il gigante cinese che gestisce il più grande business di videogiochi del mondo in quanto a fatturato. Le regole relative ai videogiochi, oltre che portare allo stop di Fortnite in Cina, avevano imposto tutta una serie di modifiche al gioco stesso. La versione cinese di Fortnite, infatti, presentava alcune differenze rispetto alla versione diffusa nel resto del mondo. Innanzitutto, il gioco era conosciuto come "Fortress Night" (Notte della Fortezza) e anche alcune componenti hanno dovuto subire delle modifiche per adattarsi alle rigide regole cinesi. Ad esempio, secondo la legge locale, i teschi non possono essere rappresentati. Di conseguenza, Epic Games ha dovuto modificare l'aspetto di tutta una serie di oggetti presenti nella grafica. Inoltre, gli utenti non potevano acquistare la valuta di gioco V-Bucks per acquistare oggetti utili allo svolgimento del gioco.

Il limite di tempo per i videogiochi

Oltre a queste differenze, anche la struttura stessa del gioco così come lo conosciamo aveva subito delle modifiche. Nella versione standard è previsto un uno contro tutti con un unico vincitore finale, che è colui che riesce a sconfiggere tutti gli altri avversari. In Cina, la battaglia per la sopravvivenza dura solo venti minuti. Al termine del tempo, tutti i sopravvissuti sono considerati vincitori della sfida. Questa sostanziale differenza tende a scoraggiare lunghe sessioni di gioco ed è in linea con il limite di tempo di tre ore imposto ai minori di diciotto anni. In caso di superamento dei 180 minuti, i giocatori ricevono il seguente avviso: "Stai giocando da 3 ore, le sfide sono disabilitate. Per la tua salute, prenditi un po' di riposo immediatamente, per favore organizza anche il tuo tempo di studio/apprendimento".

Commenta