Xbox Series X vs. PS5: due pesi due misure? O l’ago della bilancia pende già da una parte? (opinione)

Lorenzo Delli

Ieri 23 luglio si è tenuto l’evento dedicato ai giochi Xbox Series X. Un’occasione d’oro per Microsoft per far vedere le potenzialità della sua console, che ricordiamo essere più potente di PS5, e per far vedere i primi risultati delle scuderie Xbox Game Studios.

Un’occasione d’oro sì, ma in buona parte sprecata. Microsoft ha aperto bene le danze mostrando qualcosa di concreto: il gameplay di Halo Infinite. Un filmato senza troppi fronzoli, con una rapida introduzione che si riagganciava al trailer precedente, subito seguito da Master Chief che si catapultava nell’azione. Guardando il gameplay, si respirava la maggior libertà offerta dal mondo di gioco chiaramente aperto. Anche l’intelligenza artificiale dei nemici sembra migliorata e in generale sembra davvero di assistere ad un ritorno alle origini, di cercare di portare in scena ciò che più manca ai fan della serie.

E allora? Qual è il problema? Che tutto sembrava all’infuori di un gioco next-gen. Come rammentavamo nella live di ieri sera, quella in cui abbiamo seguito in diretta l’evento Xbox, la potenza di una console e la grafica dei giochi contano sempre fino a un certo punto. Ce lo ha insegnato Nintendo, che con la sua Switch, meno potente di vari smartphone anche del 2019, è riuscita comunque a piazzare più di 50 milioni di unità e a sfornare esclusive con più di 10 milioni di copie vendute all’attivo. Microsoft però ha basato buona parte della sua comunicazione delle ultime settimane proprio sulla potenza sconvolgente della sua console, sul come i 12 TFLOPS, il Ray-Tracing e la velocità dell’SSD permetteranno agli sviluppatori di mostrare meraviglie su schermo. Poi però, durante un’occasione del genere, le meraviglie a schermo che mostri sono queste:

Screenshot catturato al minuto 4:06 del trailer relativo alla campagna di Halo Infinite.

Questo è un frame specifico del video della demo della campagna di Halo Infinite mostrato ieri sera. Uno dei tanti in cui si notano dei problemi di fondo nella grafica del nuovo capitolo della serie. Abbiamo scelto questo perché nell’arco di qualche ora è diventato un po’ il simbolo dell’evento di ieri sera. Stanno già nascendo decine di meme a riguardo (un po’ come a giugno successe dopo il reveal del design di PS5) e non è certo un bene per Xbox Series X. Se non credeste all’esistenza di questo frame vi basta recuperare il filmato originale a questo minuto.

C’è chi subito ha sollevato dubbi sulla piattaforma su cui è stato mostrato il gioco. Halo Infinite sarà effettivamente un titolo cross-gen: sarà quindi disponibile su Xbox Series X, su tutta la famiglia Xbox One, su PC e anche su Game Pass e Project xCloud. Si potrebbe quindi essere portati a pensare che il gioco girasse su una vecchia Xbox One (S). Anche fosse, e non è questo il caso, in un evento dedicato a Xbox Series X non ti puoi permette di mostrare come gioco di punta un qualcosa che gira sulla generazione precedente di console. A scanso di equivoci poi, come riportato da Gamerant, la demo di Halo Infinite girava su un PC con specifiche tecniche molto simili a Xbox Series X. Pare poi che Halo Infinite al lancio della console non sfrutterà il Ray-Tracing. L’aggiornamento, che senza dubbio migliorerà l’aspetto grafico complessivo, arriverà dopo il lancio.

Uno dei tanti meme nati sullo sfortunato frame del trailer gameplay di Halo Infinite.

L’evento streaming è continuato con tante altre novità più o meno gradite. Ma di gameplay nudo e crudo, alla fine, se n’è visto ben poco. Ma procediamo comunque per gradi. Tra i protagonisti c’è stato Forza Motorsport, che per l’occasione abbandona la numerazione (sarebbe stato 8 il numero da affiancarci). Bellissimo, ma il trailer di poco più di un minuto ha mostrato praticamente 0 gameplay e soprattutto ha confermato che il gioco non sarà disponibile all’uscita di Xbox Series X. Neanche Gran Turismo 7 sarà disponibile su PS5 al lancio, intendiamoci, ma proprio l’assenza del gioco di Polyphony Digital al lancio poteva essere un’occasione d’oro per Microsoft per consolidare il suo predominio sui giochi di corse. E se non altro, di Gran Turismo 7 si è visto del gameplay vero e proprio.

Uno dei frame catturati dal trailer in 4K di Forza Motorsport (8).

Tra le altre grandi esclusive Microsoft sviluppate dagli Xbox Game Studios si annoverano State of Decay 3 e un nuovo Fable, due saghe che siamo particolarmente felici di veder tornare. Anche di questi però non si sa la data di uscita, e se almeno di Forza Motorsport si è visto qualcosa (realizzato con l’engine di gioco, niente di “fittizio” quindi), di questi due sono stati mostrati solo trailer cinematici senza dubbio intriganti, ma non in grado di spostare l’ago della bilancia (non i giochi, i trailer). C’è Avowed, il primo progetto di Obsidian da quando è entrata a far parte della famiglia Microsoft, un gioco di ruolo in prima persona che sembra voler dire “Bethesda, ancora non hai intenzione di lanciare The Elder Scrolls 6? Ci pensiamo noi!”. E  anche di questo però si sa ben poco. O ancora Everwild di Rare, che ancora, dopo due trailer, non abbiamo capito che genere di gioco sia, anche se ne siamo comunque molto affascinati.

Ok Obsidian, con Avowed hai definitivamente la nostra attenzione. Ora però non metterci 5 anni per finirlo…

E ancora Psychonauts 2 (rinviato al 2021), il bellissimo horror The Medium, Grounded con uno dei trailer più spiritosi della serata, l’avventura Tell My Why dagli autori di Life is Strange, Warhammer 40,000: DarktideS.T.A.L.K.E.R. 2Phantasy Star Online 2: New Genesis, tutti titoli tra l’altro che meriterebbero approfondimenti a sé stanti. Ma sono sufficienti a convincerci della bontà della next-gen di Microsoft? Si è davvero visto qualcosa in grado di sconvolgerci e di far pendere l’ago della bilancia verso Xbox Series X piuttosto che verso PS5? A mio avviso no. Cerco di spiegarvi il perché.

LEGGI ANCHE: Tutti i giochi dell’evento Xbox Series X

Microsoft, con Xbox One e tutta la famiglia di console, se ne esce con le ossa rotte dal confronto con PS4. I dati di vendita ufficiali aggiornati all’anno corrente non sono mai stati diffusi. PS4 conta più di 110 milioni di console vendute e una quantità esorbitante di esclusive di successo. Va da sé che non bastava proporre la console next-gen più potente per cercare di smuovere gli equilibri. Se è per quello, Microsoft ha già la console più potente di sempre sul mercato, e oramai da diverso tempo. Ciò nonostante, Xbox One X non ha certo decretato il successo della piattaforma gaming di Microsoft. E anche se ci mettessimo a fare il conteggio del numero di esclusive presentate da Microsoft ieri sera e di quelle presentate da Sony a giugno, un numero che sarebbe a vantaggio proprio di Xbox Series X, non si è ancora visto nulla di veramente concreto (tranne appunto un Halo sottotono) per la console di Microsoft.

A giugno Sony ha mostrato un Ratchet & Clank: Rift Apart in grandissima forma, con transizioni incredibili tra uno scenario e l’altro; o ancora il gameplay di Gran Turismo 7Marvel’s Spider-Man: Miles Morales che, a prescindere da quello che dicono le malelingue, è davvero in grado di spostare gli equilibri “solo” per via del nome Spider-Man (che tra l’altro è “solo” il supereroe Marvel più apprezzato di sempre); il remake di Demon’s Souls, Horizon Forbidden West, che vanta delle atmosfere davvero “spaccamascella”. Pensate che uno dei commenti su YouTube al trailer di Horizon Forbidden West è “Came here just to clean my eyes after watching Xbox show.”, giusto per farvi capire verso che direzione stia andando l’attenzione del pubblico.

Insomma, giratela come vi pare, ma l’occhio vuole la sua parte, e l’evento dedicato ai giochi PS5 è risultato più spettacolare di quello Xbox Series X. Ma la cosa che mi fa veramente rabbia è che chi si azzarda a pronunciare un’affermazione del genere viene subito etichettato come fanboy. Cerchiamo di capirci: il fatto che Microsoft non abbia brillato ieri sera non conviene a nessuno. Se nell’evento di ieri sera fossero davvero state mostrate le potenzialità della console, se i pezzi da ’90 quali Forza Motorsport, Fable, Avowed e simili avessero davvero mostrato i denti come lo hanno fatto Horizon, Gran Turismo e Ratchet & Clank, sarebbe stato meglio per tutti. Non è un voler giudicare le due aziende con “due pesi e due misure” come dicevo nel titolo. È un basarsi su qualcosa di concreto.

Quando poi l’ago della bilancia pende nettamente da una parte, e al momento sembra pendere pericolosamente verso PlayStation 5, gli unici a rimetterci davvero sono i giocatori, ovvero voi e me. Se Sony vede che con il minimo sforzo può tenere testa a Microsoft, è anche possibile che negli anni a venire si impegni il giusto, quanto basta per mantenere la supremazia, senza spingere davvero sull’acceleratore. E non sbagliatevi, tutto si deciderà a novembre e dicembre. Se PS5 partirà in quarta vendendo più unità, si riconfermerà nuovamente lo stesso trend visto con PS4 e Xbox One. Oltre ad utenti più informati che acquistano consapevolmente, e oltre a quelli che comprano tutte le piattaforme perché possono permetterselo, ci sono anche quelli che acquistano le console in base a ciò che pensa l’opinione pubblica. Anche per questo l’occhio vuole la sua parte.

Non posso non voler bene a Phil Spencer, ma devono davvero mostrare qualcosa di più concreto da qui all’uscita di Xbox Series X.

È pur vero che la visione del gaming di Microsoft è sicuramente più bella di quella di Sony. Non per la qualità o la quantità dei suoi giochi, quanto più per il suo voler essere democratica. A conti fatti quasi sembra che Microsoft non sia interessata più di tanto a vendere Xbox Series X. Tutti i giochi mostrati ieri arriveranno su Xbox Game Pass, un servizio in abbonamento meraviglioso che mette a disposizione dell’utente una libreria di titoli di qualità ad un prezzo mensile contenuto. Di conseguenza tutti questi giochi saranno disponibili anche su Project xCloud, giocabili quindi su dispositivi mobili appoggiandosi unicamente alla velocità della propria rete e non alla potenza del dispositivo. E non solo, molti di quelli svelati ieri arriveranno anche su Xbox One, proprio per favorire un passaggio non troppo doloroso alla next-gen; e tutti arriveranno anche su PC Windows. Una visione appunto democratica, che sembra voler dire “non importa dove giochiate, basta divertirsi”. Ma è anche pur vero che stiamo parlando di una società, non di una ONLUS, che mira a guadagnare. Se Microsoft sta spingendo in questa direzione è anche perché Xbox One ha perso la sfida, e in qualche modo deve correre ai ripari. Solo che speravo che questo suo correre ai ripari si traducesse in qualcosa di ben più stupefacente di quanto intravisto ieri sera.

A voi la palla quindi. Siete in totale disaccordo con quanto detto? O analizzando il tutto da un punto di vista oggettivo riuscite a vedere davvero verso quale direzione pende l’ago della bilancia? Dite la vostra nei commenti! E se può aiutarvi a capire che non sono assolutamente in malafede, ieri mi sono fatto tutta la live con un cappellino di lana Xbox in testa. A luglio.

  • Alessandro Fiorito

    Bella analisi, totalmente d’accordo

  • Bilbo Baggins

    Sottoscrivo tutto. Punto.

    • Akira Koga

      Idem

  • Ema

    Beh io sono d’accordo. A me la visione Microsoft, e la loro console, piace di più. Ma una console serve a giocare, e se i giochi PlayStation sono più belli… Uno si compra PlayStation per le esclusive e gioca quelle Microsoft e i multipiatta su xCloud con gamepass

    • neonwilderness

      Idem. Mi piace più Xbox di PS, sia come console (hardware, funzionalità, dashboard, etc.) sia come servizi. Però ho dovuto prendere una PS4 perchè certe esclusive sono semplicemente di un altro livello. Alla fine sto giocando i multipiattaforma su One X e su PS4 Pro solo le esclusive, e credo che farò lo stesso anche con la next gen. Però considerando che la maggior parte degli utenti acquista una sola console, se va avanti così, il potenziale di Xbox andrà sprecato, ed è un gran peccato.

      • Ema

        Non “sprecato”, direi “spostato”, ma alla fine è quello che vuole Microsoft, vendere servizi e non console. Per questo ho detto xCloud. Magari non tutti possono permettersi due console, ma una console e un abbonamento sì. Cioè se xCloud sarà compreso nel costo del pass ultimate è un affare

    • Frendo

      E a sto giro è veramente dura… Con gli ultimi titoli Sony (The last of us 2, horizon e tsushima)…

  • Daniele

    Ci penserá Stadia a cambiare gli equilibri

    • O magari lo stesso xCloud di Microsoft!

    • Akira Koga

      Si, ma alla prossima generazione fra 4 anni secondi me

    • Marco Rossi

      Console fallita in partenza, ormai entrare nel mercato console adesso è impossibile, se non hai già dei clienti affezionati non fai strada se non proponi della roba super conveniente.

      • Daniele

        Non é una console, ma un servizio, hai già sbagliato. E poi tutto é possibile, soprattutto per aziende del calibro di Google.

        • Marco Rossi

          Inizialmente doveva essere una console vera e propria, ma vabbè. Console o no è già fallita in partenza, non propone nulla che Microsoft o Sony non stiano già sviluppando, poi su PC ci sono già Steam, Microsoft e l’altro store (che non ricordo) quindi…

          • Daniele

            Non sai definirla e lo confronti con altri servizi che non c’entrano proprio nulla, o che non esistono nemmeno. Si tratta di un servizio completamente diverso da qualunque altro proposto prima. Te lo spiego in modo semplice, perché si é già capito che sei pigro: usi un computer di Google in remoto e ti ci puoi collegare da qualunque dispositivo dotato di browser Chrome. L’importante é avere una buona connessione e soprattutto stabile. Il computer di Google lo puoi usare in qualunque momento, senza dover pagare niente per il servizio se giochi in full HD, devi solo comprare il gioco. In pratica hai a disposizione un computer sempre aggiornato e non devi installare nulla, é tutto fruibile immediatamente. Cmq ti do un consiglio, quando non conosci qualcosa, evita di parlarne e soprattutto di parlarne male.

          • Marco Rossi

            Beh, allora auguroni a tutti quelli senza fibra

  • Viper_Rex

    Non so, ma a confronto della presentazione dei giochi Ps5, questa di Xbox era oro colato.

    • SDL

      I gusti sono gusti… e capisco pure dire non mi sono piaciute tanto nessuna delle due… ma dire che la conferenza di Xbox era oro colato, bisogna essere di parte davvero oppure avere l’oro colato si, ma negli occhi.

  • Roberto Basile Giannini

    Analisi completa ed onesta, con il chiaro intento di evitare qualsiasi “fanboyata” del caso, ma credo che ci siano da fare delle osservazioni. Tanto per cominciare credo che un compare diretto con l’evento PS5 sia errato, proprio per le politiche ormai totalmente diverse tra le due realtà. Mentre Sony ha quasi dichiaratamente confermato che con PS5 si dimenticherà dei suoi utenti PS4, MS fa un evento dove annuncia giochi che saranno disponibili su XSX, One e PC tramite Game Pass. Un evento orientato più sui giocatori (ovvero utenti dei loro servizi e dei loro videogiochi) che sulla sua prossima console di punta. Un evento che, appunto, evidenzia cosa (altro) bisogna attendersi dal Game Pass, accennando (timidamente) anche al servizio xCloud. A mio avviso, coerentemente con le parole di Spencer, l’idea di “Vince l’azienda K perché ha venduto più console” è ormai ampiamente superata: contano i videogiochi ed i servizi. Con questo non voglio dire che ad MS vada bene vendere poche console, bensì che lo scopo sia vendere i propri servizi indipendentemente dal mezzo, che sia XSX, One, PC o… Series S, ovvero la macchina che a mio avviso farà realmente la differenza per i potenziali acquirenti (soprattutto se dovesse costare 200€ in meno rispetto a PS5 e XSX). Son d’accordo che ora MS dovrà cominciare a mostrare i muscoli di XSX, soprattutto se c’è il rischio di utenti molto molto molto poco informati che confronteranno un frame preso in game di un gioco cross gen, con un frame di una cutscene senza sapere nulla sul contesto tecnico globale (risoluzione nativa e framerate su tutti). Per terminare, avrei evitato di riportare “uno dei commenti sul trailer di Horizon” dal momento che non ha alcuna valenza statistica, così come non hanno una reale valenza statistica i sondaggi su Twitter di alcuni personaggi più o meno seguiti (sappiamo bene che queste indagini di mercato sono molto più complesse di così).

    PS: sono utente Sony ed MS!

    • Grazie per le osservazioni, sono ottimi spunti!

      Sono comunque dell’avviso che gli equilibri del mercato si giochino anche sul vendere esclusive. Se Microsoft lancia un’esclusiva Xbox per un potenziale bacino di 40 milioni di giocatori ne venderà sicuramente meno di un’esclusiva PS4 per un bacino di 110 milioni di utenti. Il Game Pass è ottimo anche su PC ma non fraintendiamoci, anche guardando le statistiche di Steam l’utente PC medio ha una GTX 1050 e un processore del cavolo, praticamente tutto quello che è stato mostrato all’evento richiederà hardware più attuale. Non lo so… vedremo più avanti, ora potrebbe in effetti essere molto prematuro fare previsioni di mercato.

  • Giov

    Dipende anche dai gusti personali probabilmente. Mi sono da poco rifatto il PC e pur avendo PS4 Pro, Xbox One X e PC appunto, questa conferenza mi ha attirato per diversi giochi (Avowed, Everwild, Medium, Fable, tra tutti).

    In tutto questo la cosa che mi ha gasato e che mi ha fatto pensare alla conferenza MS come migliore di quella Sony è stata che in futuro avrei potuto giocare quei giochi per PC (Le nuove console magari aspetto un po’ a comprarmele). Certo, non credo sia il focus di MS attirare soprattutto gli utenti PC, ma immagino dipende dalle situazioni di ognuno. Inoltre mi è piaciuto anche il fatto che ci fosse una varietà di generi diversi tutto sommato.

    Riguardo a Sony…anche i giochi citati nell’articolo, bellissimi per carità, ma alla fine parliamo sempre di giochi in terza persona, non c’è altro!

    Comincio a pensarla come molti a questo punto: game pass solo su PC in combinazione con una console Sony solo per alcune esclusive.

    • Sì in effetti a Sony manca un bell’FPS di riferimento. I due titoli Bethesda che arriveranno su PS5 ho paura che da soli non riusciranno a colmare il gap.

  • SDL

    Aspettavo con molta curiosita l’xbox showcase. E devo dire che sono rimasto abbastanza deluso. Concordo con tutte le osservazioni dell’articolo, mi aspettavo qualcosa che mostrasse i muscoli della nuova console, volevo vedere qualcosa di “pronto” ed invece più che trailer, teaser trailer di giochi. Poi per carità accetto pure tutte le giustificazioni che qui in questi messaggi ho letto da parte di alcuni utenti, ma Sony che già era in vantaggio per la gestione precedente e per la migliore conferenza di giugno, si sarà sicuramente sfregata le mani.

  • Grida cosell

    Secondo me è stata un po’ una delusione questa presentazione dei giochi di Microsoft e forze decreterà il suo declino videoludico e perché no , questa sarà la sua ultima console

    • Marco Rossi

      Quindi riesci a fare un’analisi di mercato solo da una presentazione del cazzo di qualche gioco? Hanno ancora più di 1 anno, in più hanno detto che nessun utente che utilizza One sarà obbligato ad acquistare Series X. Comunque anche avessero presentato i migliori giochi di questo pianeta la gente comprerebbe ancora PS5 perché ‘ste presentazioni le guardano 4 gatti e pure a spezzoni.

      • Magari lui non riesce a fare analisi di mercato da una presentazione, ma c’è chi lo fa di lavoro e ti assicuro (non intendo io, professionisti del mercato) che per Microsoft non butta benissimo. Se vuoi vendere hardware e dici a tutti che non importa acquistare il tuo hardware ti dai la zappa sui piedi da solo. Che poi ci siano mesi/anni di margine per migliorare sono d’accordissimo, ma la gara si giocherà durante il primo anno di vita, non poi.

        • Marco Rossi

          Sì, i soliti “analisti dei miei coglioni” come li chiamano i Playerinside. Sinceramente può succedere tutto ed il contrario di tutto. In più aggiungo che Microsoft ha già detto che la One sarà ancora utilizzabile senza problemi per tutto il prossimo anno, quindi la quantità di Series X vendute sarà decisamente minore rispetto a quelle di PS5. Poi ripeto, ste presentazioni le guardano 4 gatti, il videogiocatore medio prende la console indipendente dalla qualità, ciò che interessa è il marchio che va di più ed adesso è quello Sony. Se tutti starebbero a studiarsi un prodotto prima di comprarlo la vendita di iPhone scenderebbe a zero, ma la gente è pigra, funziona così ahimè. 7 anni fa abbiamo visto come la gente si è fatta infinocchiare da Microsoft perché faceva le console che andavano di più, poi tutti a piangere perché la prima One era una schifezza orribile sovraprezzata e con il Kinect (pezzo più inutile della storia). Aggiungo che gli analisti erano le stesse persone che “predissero” un’eventuale fallimento di Nintendo e della sua Switch, cosa mai avvenuta. Chi vivrà vedrà, io comunque per più di 1/2 anni non cambierò console, vedrò cosa mi converrà di più.

  • Matteo Nasuelli

    Premetto che non sono un fanboy ma sono un giocatore di vecchia data e ho avuto sia Playstation che Xbox e Nintendo e sinceramente a questo giro vado di nuovo PC per giocare tranquillamente in 2k senza tanti fronzoli. Spesso i videogiocatori non danno valore al contenuto ma solo all’aspetto puramente tecnico e questo mi rattrista molto visto che per me i Videogiochi sono da a tutti gli effetti una forma d’arte. A volte anche un gioco dalla grafica mediocre può farti passare ore piacevoli. Ma per chi ancora dubitasse delle prestazioni di Xbox Series andate a vedere il Nuovo Flight Simulator. Mike Drop!
    Ps MS non vuole puntare sul Hardware dove ci rimette ma sui servizi.

  • Fabian

    Dai, ormai playstation è quella. È come cercare di demolire un muro con una pallina da ping pong. È molto importante secondo me la reputazione che ci si costruisce, non per caso la playstation ha venduto sempre di piú che l’xbox.

  • Frendo

    Beh non è che si possa giudicare molto da un video di YouTube. Sono pur sempre video compressi…

    • Vero, ma è anche vero che Microsoft stessa ha ricaricato il video di Halo in 4K a 60 fps invitando gli utenti a vedere quello per giudicare. E la situazione non migliora purtroppo…

      • Frendo

        Ah beh allora non saprei. Io da xboxaro quest’anno pensavo di prendere la Ps5, non tanto per le prestazioni, ma attualmente Sony ha dei giochi davvero interessanti…

  • Gianluca Canfora

    Io sono in totale accordo con quello che hai detto, ormai la strategia di Microsoft/Xbox è vendere i giochi e soprattutto i servizi, la sparizione dell’ Xbox live Gold 12 mesi potrebbe essere un segno di una rivoluzione in questo campo, vedremo come si comporterà Xbox in futuro e spero che Sony non dorma sugli allori.