xCloud di Microsoft è compatibile… con il DualShock di Sony!

Giorgio Palmieri Tante le novità del servizio di gaming in streaming Xbox.

Dal palco londinese di Inside Xbox, per l’evento di X019, Microsoft ha rivelato numerose novità su Project xCloud, il servizio di gaming in streaming della casa di Redmond che vedrà la luce nel 2020 in forma definitiva, prima sui dispositivi Android e poi su Windows 10.

L’Italia non è stata menzionata specificatamente, se non in un generico “Europa occidentale” che crediamo contenga anche il nostro bel paese, ma ne sapremo di più prossimamente. Tuttavia, le succose novità sono ben altre: Microsoft ha confermato la compatibilità con i controller che non siano di Xbox, compreso il DualShock di PlayStation 4, un passo che vuole testimoniare la flessibilità del servizio.

LEGGI ANCHE: Il Black Friday è in arrivo

Sapevamo già che xCloud consentirà di giocare in remoto a tutta la libreria di titoli acquistati, trasformando di fatto la propria Xbox in un server, ma non è finita qui, perché il servizio sarà incluso con Xbox Game Pass. Ciò significa che tutti i giochi presenti nell’abbonamento saranno giocabili in cloud e in mobilità, senza che dobbiate sostenere costi aggiuntivi. Si tratta di una mossa evidente che vorrebbe mettere la concorrenza alla strette, anche se abbiamo motivo di credere che il prezzo del Pass verrà adeguato di conseguenza. Per ora non è stato menzionato nulla a riguardo, e sembra tutto troppo bello per essere vero.

Microsoft terrà dei periodi di prova durante i quali alcuni fortunati potranno provare il servizio su più di 50 giochi diversi. Purtroppo il nostro paese non è coinvolto ma, nel caso voleste dare un’occhiata, questa è la pagina allestita per l’occasione.