Altro che smartphone: la prossima frontiera dei display flessibili sono gli zaini! (foto)

Matteo Bottin

Un nuovo brevetto, “Display Module”, è comparso lo scorso 21 marzo 2019 nel database di WIPO (World Intellectual Property Organization). Si tratta in realtà di un brevetto “vecchio” perché è stato inviato addirittura nel 2017. Il proprietario? Sony Corporation.

In breve, questo brevetto mostra delle borse (zaini e tracolle) con applicato uno schermo flessibile. Non si tratta proprio di una novità, ma mostra come Sony ci stesse lavorando da qualche anno prima dell’uscita di Pix.

Niente OLED o Amoled: lo schermo sarebbe un “semplice” e-ink, lo stesso usato per gli ebook reader. Questa scelta sarebbe dettata da motivi di autonomia, peso, resistenza e flessibilità.

Questo schermo andrebbe in accoppiata con una app che permetterebbe di cambiare il disegno o il logo a piacimento. Inoltre, la borsa sarebbe dotata di accelerometro e sensore di temperatura in modo tale da permettere la visualizzazione di pattern preimpostati in base alla situazione.

Interessante anche il fatto che lo schermo possa essere rimosso, quindi, in un certo senso, potrebbe essere utilizzato su zaini diversi in base alla situazione. Ovviamente il tutto è pensato per cercare di stressare il meno possibile lo schermo, in modo tale che non si danneggi anche quando la borsa è particolarmente piena.

LEGGI ANCHE: Google punta sui vestiti smart: Project Jacquard è ancora vivo, ma ha bisogno di idee

Ovviamente si parla di un brevetto, quindi non sappiamo se (e quando) un prodotto del genere potrebbe essere messo in vendita da Sony.

Via: LetsGoDigitalFonte: WIPO